Advertisement

Mathieu Ferreira

Mathieu Ferreira, 40 anni, è un pescatore subacqueo di Bouches-du-Rhône . È il fondatore dell’associazione ” Pêcheurs du cœur ” ed è anche membro del team BEUCHAT France . Prima di fargli qualche domanda, è importante capire il particolare approccio di questo pescatore subacqueo e titolare di un’officina professionale. La creazione dell’associazione è strettamente legata alla vita personale di Mathieu. “Circa dieci anni fa mia madre si è ammalata di un cancro generalizzato e ha trascorso il resto della sua vita nel centro di cure palliative La Maison de Gardanne. Alla vigilia della sua morte mi chiese se potevo portare il mio pesce pescato ai pazienti del centro. Era solita godersi il pesce fresco con la nostra famiglia. Voleva che gli altri avessero questa opportunità”. Per mantenere questa promessa fatta a sua madre, Mathieu ha iniziato nel 2007 a portare il pescato della sua pesca in apnea a La Maison de Gardanne. A poco a poco, si è reso conto che stava facendo molto di più che dare pesce! Riusciva a portare un po’ di leggerezza ai malati. Alcuni lo chiamavano addirittura il Coluche dei mari (famoso attore comico francese impegnato anche in attività sociali e politiche).

L’intervista di Patrick Costagliola

Mathieu Ferreira, quando e come hai scoperto la pesca subacquea?

Quando ero molto giovane, all’età di 7 anni . Vivevo nei quartieri settentrionali di Marsiglia e lì ho iniziato a pescare con l’aiuto di una piccola fiocina. Fu allora che il mare porse le braccia.

Quali erano i tuoi obiettivi quando hai iniziato le gare di pesca in apnea ?

Il mio obiettivo all’epoca era quello di unirmi alla squadra francese . Era il mio sogno rappresentare la Francia in varie competizioni. In quel periodo ho vinto vari trofei regionali e nazionali.

In Francia le competizioni sono sempre meno che in altri paesi come la Spagna o l’Italia . Qual è la tua opinione sulle gare di pesca in apnea ?

È un peccato che non ci siano molte competizioni oggi in Francia. Ma soprattutto è negativo che la federazione non sia abbastanza forte per prendere sotto la sua ala le persone che hanno grandi capacità. Penso ai miei amici marsigliesi o a quelli bretoni. Tuttavia, abbiamo un grande potenziale per avere atleti di alto livello per rappresentare la Francia in varie competizioni mondiali.

Oggi sei un ambasciatore del marchio BEUCHAT e hai anche la tua associazione, “les pêcheurs du cœur”. È cambiata la tua visione di questo sport e quella della pesca in apnea in generale?

La mia visione della pesca in apnea è semplicemente un modo di condividere. Grazie alla nostra passione, grazie alla pesca subacquea, con la nostra associazione riusciamo a far dimenticare la malattia a fine vita. Offriamo buoni pasti per i senzatetto, bellissimi video per bambini malati. Oggi la mia filosofia è condividere il mare come lo conosciamo tutti. Per cambiare l’immagine negativa del pescatore subacqueo. Non siamo persone cattive, il mare può darci molto se lo rispettiamo.

Qual è il tuo stile pesca in apnea preferito? Quali sono le tue migliori catture?

Dato che ho avuto l’infarto (Mathieu ha avuto un doppio attacco cardiaco) ho dovuto cambiare modo di immergermi e andare meno in profondità rispetto al passato. Il mio tipo di pesca in apnea preferito rimane l’Agguato , ma mi adatto a seconda del tempo, del sole e del tipo di luogo in cui pesco. La cattura di cui vado più fiero è stata una spigola di 11,8 kg . Anche se ho pescato delle ricciole di grandi dimensioni molto belle, questa spigola è quella che mi ha fatto più impressione.

La pesca subacquea non è il tuo lavoro, ma sei una persona appassionata. Come ti organizzi per soddisfare la tua passione?

Ho la fortuna di lavorare con due colleghi che sono anche loro pescatori in apnea . Quindi, appena possiamo, chiudiamo il garage un po’ prima e andiamo a pescare. Ci organizziamo. Abbiamo incontri al garage per discutere della gestione dell’associazione e programmiamo i nostri viaggi futuri durante la settimana. Con questa squadra è un po’ di lavoro e un po’ di piacere.

Che attrezzatura usi, che si tratti di mute, pinne o arbalete ?

Essendo un ambasciatore BEUCHAT , utilizzo le attrezzature del marchio. Uno è l’arbalete Beuchat Hero . Ma secondo me, bisogna provare di tutto e non rimanere bloccati su una marca o un’altra. Questo è il consiglio che darei alle persone di essere aperte a tutto ciò che è buono sul mercato. Detto questo, sono orgoglioso di essere un atleta BEUCHAT perché l’attrezzatura mi si adatta perfettamente. Le mute in particolare, sia nella qualità che nell’aspetto.

Che consiglio daresti ai principianti che vogliono iniziare a pescare in apnea?

Per me l’amatore che si avvicina al mondo della pesca in apnea dovrebbe avvicinarsi ad una scuola certificata. Istruttori abilitati dallo Stato possono seguire il principiante in sicurezza . Ci sono troppi incidenti fra i principianti, sia nell’apnea che nella pesca subacquea. I principianti hanno la tendenza, con attrezzature sempre più efficienti, a voler andare molto in profondità quando non è necessario per pescare. Soprattutto, devono conoscere l’ambiente marino ed essere consapevoli delle proprie capacità fisiche e psicologiche. Quindi, per me, la soluzione migliore è avvicinarsi a pescatori in apnea professionisti. Ce ne sono molti in tutta la Francia. Inoltre, per cominciare, unirsi a un club di pesca in apnea per essere seguito da più persone.

Il canale youtube di Mathieu Ferreira les pêcheurs du coeur è: https://m.youtube.com/channel/UCUlylunq1fQ_M-auAMY_u3w

Advertisement