Advertisement
Isabel Sánchez-Arán

(Di Bernat Castell)

Qualche giorno fa abbiamo avuto il piacere di condividere con la grande apneista spagnola Isabel Sánchez-Arán una piacevole e istruttiva chiacchierata, in cui abbiamo potuto toccare diversi temi legati all’apnea agonistica e allo sport femminile. Qui vi mostreremo una parte dell’intervista, quella più incentrata sullo sport femminile, quindi invitiamo il lettore a una seconda puntata più incentrata sull’apnea.

Per prima cosa faremo una breve presentazione in modo che si possa conoscerla un po’ di più. Isabela è istruttrice di apnea e subacquea ricreativa, atleta di alto livello del CSD, membro del dipartimento di apnea della FEDAS, presidente dell’Associazione Spagnola di Apnea Sportiva, guida subacquea certificata del Parco Naturale del Montgrí, Illes Medes i Baix Ter, Co- direttore del Club Apnea La Caretta – Costa Brava Freedivers e parla correntemente diverse lingue svolgendo lavori di traduzione su argomenti legati alle attività subacquee. Alla fine dell’articolo c’è un riassunto del suo curriculum sportivo.

Bernat Castell. Buongiorno Isabel, mi stavi dicendo che hai iniziato l’apnea come sport nel 2015 e dopo qualche anno i risultati sono davvero impressionanti.

Isabel Sánchez-Arán. Buongiorno, la verità è che dall’inizio ci tenevo tanto e mi sono dedicata ad allenarmi abbastanza intensamente. Immaginate che dopo due anni sono già riuscita a scendere a -70 m. Da lì ho seguito una routine di allenamento più incentrata sulla competizione.

BC. Che cosa ha significato per te quest’anno senza gare a causa della pandemia?
IS. Non essendoci gare, l’estate scorsa ho potuto dedicare più tempo e dare una spinta alla scuola di apnea che gestisco insieme a Mara Torrealba. Abbiamo lavorato molto e molto duramente. La verità è che è andata abbastanza bene, quindi quest’anno se si riprenderanno le gare, cosa che spero, dovrò pensare attentamente a come combinare una cosa con l’altra.

BC. Che valutazione daresti della partecipazione femminile all’apnea in Spagna?
IS. A poco a poco cresce la partecipazione delle donne alle gare di apnea, e abbiamo atlete di ottimo livello, come Gemma Villa, Almudena Calvo e la stessa Mara, ma la partecipazione è ancora ridotta rispetto a quella dei ragazzi.
In apnea in mare questo aumento è più lento che in apnea in piscina, suppongo a causa di problemi logistici e di risorse che sono richiesti per ogni disciplina.

Isabel Sánchez-Arán

BC. Come pensi che la partecipazione femminile potrebbe ricevere un impulso?
IS. Da un lato manca una maggiore diffusione di questo sport e degli sport subacquei in generale, perché vedo che la popolazione spagnola negli ultimi tempi si è staccata dal mare, ed è un peccato. D’altra parte, è necessario che le donne che nel mondo dello sport si distinguono siano rese note, in modo che possano fungere da riferimento per altre donne e quindi incoraggiare a praticare questo sport.
Penso sia importante anche che nel promuovere questo sport verso le donne, ci si debba occupare di come farlo, consultando gli atleti e / o le persone specializzate sul tema dell’uguaglianza in modo che il messaggio sia corretto nella forma e nei contenuti e raggiunga derettamente le donne.
È bene anche correggere alcuni dettagli, anche se non sono decisivi, ma se è possibile, perché non farlo? Ad esempio, all’interno della Federazione catalana delle attività subacquee stiamo lavorando sulla questione del linguaggio inclusivo nei manuali, sempre in modo pratico, in modo che tutti si sentano a proprio agio e identificati. Un esempio potrebbe essere cambiare “Manuela dell’apneista” in “Manuale di apnea”. Sono dettagli che si sommano.

BC. Hai detto che in Spagna c’è una certa disconnessione del pubblico in generale con il mare.
IS. Rispetto ad altri paesi europei del Mediterraneo, mi dà questa sensazione, anche se negli ultimi tempi ho visto in televisione alcune notizie legate all’apnea.
In Asia, e soprattutto in Corea e Cina, l’amore per l’apnea è in totale aumento e anche la percentuale di donne che praticano l’apnea è superiore a quella degli uomini. Inoltre, e senza andare così lontano, sono rimasto impressionato nel vedere la squadra italiana in un campionato accompagnato da una squadra televisiva. Sono cose che di solito non si vedono qui.

BC. Come vedi il rapporto tra donne e uomini, sia in gara che in allenamento?
IS. Di solito abbastanza bene. Durante la competizione non si nota la differenza, è tutto abbastanza misto. È evidente solo alla fine della giornata quando vedi che ci sono classifiche separate e assegnazione di medaglie per le categorie maschile e femminile.
Durante le sessioni di formazione, con i colleghi il rapporto è ottimo. A volte capita che ti diano aiuto o si occupino di determinati compiti, ovviamente con la migliore intenzione, ma a volte per insicurezza o conforto ti ci abitui e non impari ad essere autonoma. Questo è un dettaglio a cui tutti dovremmo pensare.
A livello di federazione e di club, prosegue anche il lavoro per garantire che ci sia un vero confronto. Se di tanto in tanto sorge un conflitto, viene scoperto, dibattuto, risolto … e così si fanno progressi.

Isabel Sánchez-Arán

BC. Come consiglieresti di praticare l’apnea?

IS. Ebbene, è uno sport che può essere praticato sia in mare che in piscina e che può essere utilizzato anche come allenamento complementare, poiché è molto vantaggioso sotto vari aspetti: è una formula economica per fare allenamento in quota per produrre globuli rossi; secondo vari studi, serve a creare fibre muscolari sempre più efficienti, serve anche come riabilitazione per vari infortuni senza dover fare sport ed esercizi di impatto, … ha molte applicazioni.
Personalmente, mi piace praticarlo di più in mare ma sono consapevole che non tutti, sia per il luogo di residenza sia per la questione delle risorse, possono praticarlo in mare, quindi la piscina è una buona opzione.
In ogni caso, raccomando che le persone che iniziano lo facciano sotto la supervisione di una persona con una laurea riconosciuta e rispettabile o attraverso corsi, soprattutto all’inizio e per motivi di sicurezza.

BC. E consiglieresti di partecipare ai campionati?
IS. Totalmente. Cerco di incoraggiare le persone a competere perché per me è come una festa, è la celebrazione del nostro sport ed è grazie alla competizione che lo rendiamo visibile. A chi pensa di non avere il livello sufficiente per competere dico loro che dipende dalla pressione che ognuno vuole mettere, ci sarà chi gareggia per vincere ma altri lo fanno per divertirsi e trascorrere una piacevole giornata con gli amici che condividono un’esperienza.

Isabel Sánchez-Arán

Marcas sportivi di Isabel Sánchez-Arán:

-80m Immersione libera (FIM), -76m in competizione
-74m Peso Constante con pinne (CWBF), -71 in competizione
-44m Peso Constante senza pinne (CNF)
06’27« Apnea Statica (STA), 6’06 in competizione
114m Dinamica senza pinne (DNF)
145m Dinamica con pinne (DYN-BF)

5º posto FIM @ AIDA DEPTH WORLD CHAMPIONSHIP 2019 Nizza (Francia)
7º posto CWT-BF @ CMAS FREEDIVING OUTDOOR WORLD CH. 2019 Roatán (Honduras)
3 x Vittorie come campionessa spagnola in FIM, STA, CWTB
Vittoria come vicecampionessa spagnola DYN-BF
Vittoria medaglia di bronzo spagnola DNF| 2019

*Record attivi:
2 x Spagna| FIM y CWTB
3 x Catalogna| FIM, CWTB y STA

Advertisement