Advertisement

Le avevamo già viste e presentate in occasione prima dell’Eudi Show 2015 a Bologna, e poi alla Kedada 2016 a Barcellona, ma finalmente le nuove pale Alpha in carbonio prepreg Hot Forming by CarbonioGFT sono arrivate nella redazione per un primo studio e, a seguire, per il test in mare.

Aspetto estetico

Non c’è che dire, CarbonioGFT ha da sempre fatto del prepreg e della qualità percepita delle proprie pale un grande punto di forza, e ciò è ancora più evidente con le pale Alpha, rifinitissime nella costruzione e nella qualità visiva della superficie lucida del carbonio, praticamente ineguagliabile. Non che ciò rappresenti necessariamente una garanzia di resistenza assoluta o performance delle pale, ma certamente può evidenziare un processo costruttivo che riduce al massimo le imperfezioni, e quindi anche, teoricamente, i punti deboli delle pale stesse. Fondamentale è il processo di Hot Forming (da cui la denominazione H.F.), che permette un controllo preciso della temperatura di indurimento della resina, tale da eliminare il pretensionamento della fibra di carbonio finale.

Stratificazione

Come già visto in occasione del servizio dell’Eudi Show 2015, le nuove GFT Alpha hanno una stratificazione dei fogli di carbonio incrociata in modo particolare, a formare una X sulla pala, visibile con il riflesso della luce. Tale nuova configurazione, diversa da quella, per esempio, delle Aero, con stratificazione a V, punta ad una maggiore velocità di spostamento, magari sacrificando qualcosa nello spunto iniziale.

Dimensioni e pesi

La particolarità delle Alpha è la loro asimmetria, che determina quindi una pala destra e una sinistra. AP ha effettuato tutte le misurazioni della pala, che è risultata essere, prendendo come riferimento i fori delle viti di fissaggio alla scarpetta, lunga 74 cm nel lato esterno, e 72 cm in quello interno. La larghezza della pala, misurata prendendo come riferimento la parte interna dei water rail, è pari a 21,3 cm. Lo stesso water rail è stato modificato ultimamente da GFT rispetto a quello tradizionale, molto grande, e un poco pesante e ingombrante (il peso passa ora da 100 grammi a 30 grammi). L’altezza dei water rail è costante lungo tutta la lunghezza della pala, li dove non arrivano i longheroni delle scarpette, e pari a 1 cm per lato (cioè un centimetro sopra e uno sotto).  Il peso della singola pala Alpha è pari a 375 grammi, di cui 60 grammi sono appunto da attribuire ai due water rail su ogni pala. L’angolo scarpetta pala è di 24° nella versione ricevuta in prova, ma disponibile da poco, anche con grado 32°.

Flessione

Le Alpha, contrariamente alle Aero, disponibili nelle durezze Soft, Medium e Hard, sono realizzate in una unica durezza. Nella prova fuori dall’acqua le pale sembrano piuttosto flessibili, ma soprattutto, e  questo è un punto che differenzia le varie pale in carbonio, flettono in modo piuttosto uniforme lungo tutta la lunghezza, sfruttando appieno la curvatura della pala per realizzare la massima spinta, oltre ad assecondare meglio il movimento di pinneggiata del pescatore in apnea o apneista. Ciò lo potrete leggere nella prova in mare delle Alpha. Sotto, una anticipazione.

Scarpette

Le pale fornite da GFT sono state realizzate per adattarsi alle scarpette Delta One K-Reinforced della Salvimar, ma si possono richiedere profili adatti alle scarpette Pathos, oppure alle scarpette della GFT, denominate “Slippers”.  Il montaggio sulle scarpette Salvimar è stato piuttosto semplice, con la necessità unica, utilizzando un taglierino, di tagliare la parte superiore e inferiore del water rail nella zona dove verranno posizionati i longheroni della scarpetta.

Clicca qui per la scheda tecnica delle GFT Alpha.

Potrebbero anche interessarti:

Advertisement