Advertisement

All’Eudi Show 2016 abbiamo parlato con Giacomo Scalici, responsabile nazionale di Apnea Italia Agency.

Apnea Italia Agency è una bella iniziativa e realtà per gli amanti dell’apnea. L’agenzia, che si occupa di tutta la parte legata alle immersioni in apnea per l’ISDA, è impegnata nella didattica focalizzata all’insegnamento dell’immersione in apnea consapevole: consapevolezza di ciò che necessariamente deve essere fatto, ma soprattutto ciò che non va fatto; consapevolezza che si traduce in sicurezza e quindi divertimento e benessere psico-fisico. Apnea Italia Agency vuole rendere il meraviglioso sport dell’apnea alla portata di tutti, da “0” a “100” anni. 

 

AP: Giacomo, quale è la novità di Apnea Italia Agency rispetto ad altre realtà rivolte alla didattica dell’apnea?

GS: Di base la novità, a mio parere, è il nuovo metodo didattico. L’apnea è vista come la ricerca del benessere psico-fisico, non della prestazione pura. Ciò permette anche il raggiungimento della consapevolezza dei propri limiti e quindi della sicurezza in immersione. Di conseguenza la didattica diventa flessibile, adattandosi ad ogni singolo individuo e allievo. Ciò permette comunque il raggiungimento del massimo potenziale, ma in totale sicurezza e con un piacere e un benessere che solo l’apnea di può dare. 

 

AP: Questi concetti di benessere, consapevolezza e sicurezza come vengono insegnati?

GS: Con dei corsi per adulti e bambini, quest’ultimi il futuro di questa disciplina. Già nel corso base viene proposto, per chi ne fosse interessato, l’apprendimento del BLSD (Basic Life Support – Defibrillation) e dell’Oxygen First Aid. Questi due brevetti, che abilitano al primo soccorso cardiaco e uso del defibrillatore automatico esterno, piuttosto che alla somministrazione di ossigeno, sono poi obbligatori per accedere al secondo e terzo livello, per un totale di 3 livelli di didattica. Seguono poi i corsi Pro: aiuto istruttore e istruttore.

 

AP: Chi fa parte di Apnea Italia Agency e quali i prossimi progetti?

GS:  Oggi sono parte del progetto: Apnea Palermo, del cui staff, oltre a me, fanno parte Roberto Restivo e Davide Lipari), Apnea Frosinone, con Andrea Affinita e Simona De Vecchis, e Apnea Gioiosa (RC), quest’ultima coordinata dall’istruttore Francesco Sangregorio. Nel frattempo, per la costituenda Apnea Catania abbiamo l’istruttore Tito Zappalà. Si aggiungerà a seguire Apnea Genova. Per Apnea Italia Agency, come referente oltre a me, c’è Mario Perricone, Presidente dell‘ISDA. Apnea Italia Agency non è solo corsi di apnea, ma raduni, stage, pulizie dei fondali, viaggi ed eventi. In questo senso il prossimo progetto è un raduno delle scuole e uno stage su assetto costante e freediving che si svolgeranno i prossimi 17-18 e 19 Giugno a Ustica. Sarà un evento estremamente piacevole e coinvolgerà i giovani che, come detto, sono il futuro di questa disciplina. 

 

AP: E la pesca in apnea?

GS: Quella non poteva mancare, anche perchè io stesso ne sono innamorato, ed è un sistema di pesca sano, molto selettivo e assolutamente rispettoso del mare, sempre che venga svolto seguendo le regole. Come sport legato all’apnea, abbiamo quindi corsi anche per la pesca in apnea.

 

AP: E chi è il referente per la pesca in apnea?

GS: Nientedimeno che Riccardo Molteni, istruttore per Apnea Palermo e trainer di pesca in apnea per tutta la struttura di Apnea Italia Agency. 

Advertisement