Advertisement

Chi è Miguel Ángel Galera Cardona

Miguel Ángel Galera è originario di Ibiza , un grande sportivo, un grande pescatore con grandi qualità umane. Per anni è stato membro della nazionale, conquistando il mondiale a squadre nel 2008 (Venezuela) e infiniti podi e riconoscimenti a livello internazionale, sia individuali che a squadre. Ritiratosi dalle massime competizioni dal 2012, oggi unisce la sua professione alla passione per la pesca in apnea e al ruolo di tester per Salvimar .

(di Bernat Castell Pallicer)

Bernat Castell Pallicer: Ti sei ritirato dalle competizioni di massimo livello molto tempo fa, ma continui ad esprimere un alto livello di prestazioni come possiamo vedere in alcuni campionati a cui partecipi ancora, ottenendo sempre buoni risultati. Come affronti questi campionati?

Miguel Ángel Galera : Mi sono ritirato dai circuiti di gara nel 2012, poiché era difficile per me coniugare i campionati con il lavoro, ma mi piace comunque competere, soprattutto ai campionati a squadre open, mi diverto molto.

Quando indosso la maschera ed entro in acqua voglio vincere, ma senza pressione visto che sono tra amici. Il fatto di andare più rilassato a godermi l’evento con gli amici con cui faccio squadra, la motivazione per il clima di cameratismo con gli altri… per me ha un valore aggiunto che si riflette poi nel risultato.

L’ Open Sebastià Carbonell della Master Week di Palma lo considero uno dei migliori o se possibile il miglior evento di pesca in apnea che ci sia. L’atmosfera che si crea è incredibile per la diversità dei pescatori che vi partecipano, paesi diversi, età, gradi di esperienza,… è molto bello. Con lo stesso format c’è anche il Memorial Nacho Fernández che si celebra nella mia terra, Ibiza . È un campionato molto accattivante, con un’atmosfera molto positiva e molte squadre che vengono dall’estero. Alla scorsa edizione hanno partecipato grandi campioni come Ramazzotti e Bellani . È stato un piacere vederli condividere momenti e scattare foto con i più piccoli… questo è l’atteggiamento di un campione.

BCP: Di solito peschi in apnea a Ibiza, ma hai viaggiato molto e pescato in mari diversi, in diversi paesi sia con la nazionale che per piacere. Come sono state le tue esperienze?

Miguel Ángel Galera : Per me è un privilegio aver potuto scoprire mari, paesi e culture diversi con altri modi di intendere il mare. Mi sono piaciute molto le trasferte con la nazionale, ma non sono vacanze. In quelle occasioni davamo il massimo, era la massima espressione del nostro sport ed eravamo consapevoli di rappresentare tutta la pesca in apnea del nostro Paese. Tanta fatica, tanto lavoro, spingendo al limite le nostre capacità senza mai dimenticare la sicurezza.

Che tu sia titolare o sostituto, dai il massimo perché il tuo lavoro avvantaggia i tuoi compagni di squadra e la squadra. Se la squadra o il partner con cui hai lavorato ottiene il titolo, è molto gratificante, vedi il tuo sforzo premiato. È così che l’ho sempre visto. Sono esperienze molto belle, ma come ho già detto non sono vacanze. I primi giorni sono belli, ma poi ti senti stanco, stare lontano da casa, vivere insieme alla squadra non è sempre facile… Poi quando arrivano i risultati, come dicevo, è molto gratificante. A parte il fatto che ho conosciuto i miei migliori amici nel mondo delle competizioni, sia tra compagni di squadra che tra rivali.

BCP: E per quanto riguarda i viaggi di piacere?

MAG: Li adoro, mi sono davvero piaciuti. Sono stato in Argentina, Venezuela, Panama, Marocco, Stretto. .. La motivazione è doppia perché sei rilassato, in vacanza e allo stesso tempo conosci mari, pesci, paesi, culture diversi… ogni paese è un mondo diverso, ognuno ha il suo modo di vedere e capire il mare, tutto è nuovo . Il luogo che mi è piaciuto di più è però senza dubbio la Spagna, nelle sue diverse coste.

Al di fuori della Spagna, ad esempio, l’ Algeria potrebbe distinguersi, anche se ci sono andato con la nazionale, perché ha coste molto belle, praticamente vergini, con molti pesci, e ti dà un’immagine di com’era il Mediterraneo anni fa. È un posto molto bello per pescare, ma non è molto turistico, non è facile andarci da turista.

Un altro posto che mi è piaciuto molto è stato a Panama . Acqua calda e un po’ torbida, un’ampia varietà di pesci, molti pesci pelagici… Quando ci sono andato mi è sembrato molto familiare, come se ci fossi già stato per tutto ciò di cui avevo parlato con Joseba Kerejeta, che per me è l’ultimo esempio dello spirito avventuroso del pescatore subacqueo. Ci ha lasciato una preziosa eredità poiché ora conosciamo i paesi e le destinazioni di pesca grazie a lui. È stato un pioniere in fatto di viaggi di pesca, che ci ha fatto conoscere nei reportage di riviste specializzate. Joseba era un uomo che si è distinto per il suo atteggiamento sempre positivo, le sue buone vibrazioni e si è adattato a tutto.

BCP: Adesso svolgi la funzione di tester di materiali Salvimar. cosa ci puoi dire?

MAG: Credo sinceramente che Salvimar abbia apportato modifiche ad alcuni prodotti che saranno rivoluzionari. Ho testato le nuove pinne Speeder e sono rimasto davvero sorpreso, le prestazioni sono incredibili. Con le pale in plastica si ottengono prestazioni simili a quelle delle pinne in carbonio grazie a un nuovo design della scarpetta che consente di ottenere una grande spinta con meno sforzo. Inoltre, la scarpetta è molto comoda.

Per quanto riguarda la muta, adoro la Krypsis , la uso sempre. Nonostante sia una muta con fodera esterna, è molto comoda, molto calda e molto facile da indossare e da togliere. Non è delicata, non si stropiccia e non mi viene freddo durante gli spostamenti in barca.

Fra i fucili da pesca, visto che si parlava di viaggi, evidenzierei il Dark Side. È potente e preciso, è molto più facile da manovrare di un arbalete multigomma della stessa potenza. L’ho provato nei miei viaggi e sono riuscito a catturare pesci da 6 metri di distanza.

Ogni giorno utilizzo l’arbalete in carbonio Metal Sapiens in diverse lunghezze, a seconda dello stile di pesca. È realizzato in carbonio aeronautico che lo rende completamente a tenuta stagna. Su di esso monto un singolo elastico circolare da 16mm (progressivo) allungato al 300%.

BCP: Infine, quale consiglio o messaggio daresti ai giovani appassionati di pesca in apnea?

Miguel Ángel Galera : Vedo molti giovani ragazzi ossessionati dall’idea di ottenere pesci grandi e andare in profondità. Siamo tutti in parte colpevoli di questo poiché quella è l’immagine che abbiamo trasmesso, senza rendercene conto, in foto, social network, video… In verità, dietro a tutte quelle immagini c’è molto impegno, molto lavoro ed esperienza. Nei dibattiti, corsi o incontri a cui partecipo, Cerco di trasmettere ai giovani che pesci molto buoni possono essere catturati a basse profondità. Bisogna imparare le abitudini dei pesci, le zone di passaggio, correggere piccoli errori, acquisire tecnica … ed è meglio farlo a poca profondità, dove saremo più a nostro agio. In verità, c’è stato un tempo in cui è avvenuto un boom in cui tutti volevano andare a pesca profonda, ma piano piano si è tornati alla normalità.

Un altro consiglio che vorrei dare è di essere umile e attento perché non smetti mai di imparare dagli altri. Puoi sempre imparare qualcosa da un altro pescatore, anche da un principiante, che sia il loro atteggiamento, il loro modo di fare le cose, i trucchi con l’attrezzatura. Questo mi è servito sia nella pesca in apnea che in altri sport, lavoro,… la vita in generale.

Infine, più nello specifico, una tecnica di cui si discute spesso, e confermo che è assolutamente valida. Quando applico l’aspetto per pesci predatori come il dentice, simulo quando un pesce mangia sul fondo, raschiabdo il fondo con la mano e questo fa venire tutti i pesci a vedere da dove viene il suono, è molto efficace.

Advertisement