Advertisement

Unico nel suo genere – Insieme per mantenere vivo il nostro sport

Matty Pyykko “Baccalaopappa” è unico nel suo genere. Pescatore subacqueo finlandese, è una sorta di leggenda per il suo modo speciale di vivere le competizioni in tutto il mondo. L’energia, il sorriso e l’entusiasmo di Matty sono le cose che rendono ogni gara più speciale. Infatti, alla fine, non si tratta solo del risultato, ma anche di frequentare persone che non si possono vedere tutti i giorni, di godersi il tempo trascorso nella grande famiglia dei pescatori in apnea di tutto il mondo per qualche giorno. Quest’anno atleti provenienti da molti paesi verranno ancora una volta nel bellissimo paese di Matty per il primo Campionato CMAS in acque interne.

Valentina Prokic: Come e quando hai iniziato a praticare la pesca in apnea?

Matty Pyykko: In Finlandia, la maggior parte dei ragazzi pratica un qualche tipo di pesca da giovane. Un giorno mi sono reso conto di poter inseguire i pesci anche sott’acqua. La Finlandia ha una lunga storia nella pesca in apnea. La squadra finlandese ha partecipato al Campionato del Mondo a Cuba nel 1967, quindi era facile trovare persone che praticavano la pesca in apnea in Finlandia.

Valentina Prokic: Come e quando hai iniziato a gareggiare?

Matty Pyykko: La scena delle competizioni è sempre stata molto forte in Finlandia. Abbiamo molti posti diversi in mare e molti laghi fantastici per praticare la pesca in apnea. E la Norvegia, l’oceano Atlantico, il paradiso della pesca in apnea, è a sole 15 ore di macchina dalla Finlandia.

Valentina Prokic: Quali erano i tuoi obiettivi e quali sono tuttora i tuoi obiettivi nelle competizioni?

Matty Pyykko: Quando ero più giovane volevo essere tra i primi 10 al mondo, ma ora sto concentrando tutte le mie energie per sostenere le donne e i giovani che praticano pesca in apnea nel Nord Europa.

Valentina Prokic: I tuoi migliori risultati fino ad ora? A livello nazionale e internazionale?

MP: I risultati non contano, la cosa più importante è che ho incontrato persone fantastiche durante le mie uscite di pesca in apnea e nelle gare. Queste esperienze mi hanno fortemente influenzato come persona. Le mie capacità di parlare spagnolo mi hanno naturalmente aiutato molto.

Valentina Prokic: Quali sono i tuoi piani per le gare quest’anno? La Finlandia ospiterà il primo campionato europeo in acque interne, parteciperai alla gara o lavorerai semplicemente all’organizzazione?

MP: Quest’anno abbiamo la prima storica competizione CMASin acque interne. Siamo molto contenti di questo progetto, perché i laghi finlandesi offrono ai pescatori in apnea un fantastico terreno di caccia. I laghi finlandesi sono ricchi di pesce grazie alla pesca in apnea sostenibile e le licenze di pesca in apnea sono facili da ottenere. Sono il promotore di questo evento, ma durante la settimana di gara mi concentrerò sulla competizione come concorrente. È importante sapere che nell’Europa dell’Est e negli Stati Uniti la pesca in apnea in acque interne è molto diffusa.

Valentina Prokic: Può dirci qualcosa di più sul campionato Freshwater?

Matty Pyykko: Le differenze sono le specie ittiche e il modo di pescare… chi sono i favoriti per le medaglie? La risposta diretta è che la situazione è la stessa di Helsinki nel 2013, ma la visibilità è 5 volte migliore. Si tratta delle stesse specie d’acqua dolce, principalmente lucci, persici e carpe. Le regole della CMAS ci permettono di pescareun solo luccio al giorno perché i lucci possono superare i 5 kg. Quindi un unico grande luccio potrà dare il vincitore. Normalmente in Finlandia abbiamo un peso massimo di 2000 punti per pesce. Quindi i pesci grandi non contano molto.

Valentina Prokic: Sei molto conosciuto nel mondo della pesca in apnea per il tuo modo specifico di gareggiare che genera molto divertimento, eccitazione, risate…

Matty Pyykko: Sì, è più facile divertirsi nell’ambiente del Nordic Spearfishing perché non siamo professionisti. Abbiamo una forte amicizia tra i pescatori subacquei nordici. Inoltre, vogliamo mostrare al mondo della pesca in apnea professionale mediterranea che c’è anche un altro modo di fare pesca subacquea. Stiamo imparando molto dai professionisti del Mediterraneo, ma anche loro possono imparare molto da noi.

Valentina Prokic: Dove vive e com’è?

MP: Vivo nella Finlandia occidentale. C’è un arcipelago di straordinaria bellezza. Deserto, senza persone. Sono stata molto felice quando la mia famiglia si è trasferita lì, lontano dalla capitale Helsinki.

Valentina Prokic: Hai qualche modo speciale/segreto/qualcosa di diverso dagli altri pescatore in apnea che usi per catturare determinati pesci o per trovarli?

MP: Sono sempre stato il pescatore subacqueo più duro e forte del nord. Quindi la mia arma “segreta” è stata la condizione fisica ottima per il nuoto e i tuffi. Ma oggi do il meglio di me in Norvegia, dove è necessario sparare con precisione e nuotare nella forte corrente.

Valentina Prokic: Dovete adattarvi molto come pescatori in apnea del Nord quando venite nel Mediterraneo o nelle competizioni oceaniche?

Matty Pyykko: Nel Mediterraneo la pesca in apnea si trova in un ambiente diverso. Tutti noi pescatori subacquei nordici abbiamo pescato nel Mediterraneo. Così sappiamo cosa fare se andiamo lì per una gara. Ma dato che paghiamo di tasca nostra i viaggi per le gare, non siamo molto contenti di partecipare alle gare nel Mediterraneo. Noi, pescatori in apnea nordici, amiamo praticare la pesca in apneanell’Oceano Atlantico o nelle calde acque del Pacifico. Le profondità superiori ai 40 metri non fanno per noi, ma tutto il resto va bene.

Valentina Prokic: Cosa preferisce come attrezzatura?

MP: Naturalmente per cacciare nelle fredde acque della Scandinavia le mute devono essere molto buone. Grazie allo sviluppo dei marchi di pesca in apnea, le opzioni non mancano.

Valentina Prokic: La pesca non è il tuo lavoro. Quanto tempo riesci a dedicare alla pesca in apnea?

MP: Sì, è molto importante che la pesca in apnea non sia il mio lavoro. Questa situazione mi offre molte più possibilità di godere del nostro straordinario stile di vita. Inoltre, il nuovo standard sostenibile è molto più facile da accettare, quando si possono comprendere anche le “opinioni dei non pescatori subacquei”. Ma dobbiamo essere molto forti e uniti per mantenere vivo e forte il nostro fantastico sport. Non sarà facile in futuro.

Advertisement