Advertisement

Nicolas Nicolaou

Nicolas Nicolaou è il capitano della squadra nazionale di pesca in apnea di Cipro , atleta, campione e anche istruttore di apnea con la sua scuola.

L’intervista di Valentina Prokic

Come e quando hai iniziato con la pesca subacquea? Come hai iniziato la tua storia con l’apnea?

Nicolas Nicolaou : Ho iniziato a pescare in apnea all’età di 11 anni. Il mio mentore è stato mio fratello maggiore Chris, uno dei pescatori in apnea più esperti e conosciuti degli anni ’80. Il mare era a soli 10 minuti di bicicletta da casa mia, quindi ogni volta mi immergevo con un piccolo fucile pneumatico cacciando tutti i tipi di pesci. La mia carriera nell’apnea è iniziata nel 2001 dopo i Mondiali che si sono svolti nella mia città. Questo ha innescato la scintilla per trattenere di più il respiro o per immergermi più a fondo. Nel 2003 mi sono diplomato come CMAS * Corso Istruttore ad Atene. Nel 2008, io e altri due istruttori di apnea ciprioti abbiamo creato il Cyprus Freediving Education System e lo abbiamo presentato al governo di Cipro. Il Sistema è stato approvato da CMAS International e siamo stati promossi a Istruttori **. Nello stesso anno ho ottenuto il mio primo record nazionale in apnea nella disciplina CNF. La mia carriera di atleta in apnea è proseguita con numerose partecipazioni a gare di apnea sia in piscina che in acque libere. Successivamente mi sono diplomato anche come giudice AIDA e CMAS e ho partecipato a gare di apnea anche come giudice.

Come e quando hai iniziato a gareggiare nella pesca subacquea?

NN : Ho iniziato a gareggiare nella pesca in apnea all’età di 21 anni in un club locale (OFEK) e successivamente in gare dell’isola tra club locali (SFYKK). Mi ci sono voluti 4 anni per festeggiare il mio primo campionato. Da quel momento in poi ho vinto più di 10 titoli nazionali e anche molte competizioni di Coppa che si sono svolte a Cipro. Il mio partner “in crimine” era Elias Liasis , che è anche un membro della squadra nazionale di Cipro. Nel 2007 abbiamo aggiunto George Vasiliou al nostro team.

Quali erano i tuoi obiettivi, e sono tuttora, nella competizione?

Ora, all’età di 47 anni, gli obiettivi sono ancora gli stessi del giorno in cui ho iniziato a gareggiare, e cioè vincere tutte le gare di pesca in apnea a cui partecipo.

I tuoi migliori risultati fino ad ora? In Grecia e internazionali?

NN : Come ho detto sopra, ho vinto più di 20 gare, campionati e coppe locali di pesca in apnea . A livello internazionale, ho ottenuto il 2° posto nella Spearfishing Champions League a Kastelorizo 2008 , il 1° posto nella Spearfishing Champions League a Limnos 2014 . Inoltre, il 3° posto al Campionato mondiale di pesca subacquea CMAS a Syros 2016 , come membro della squadra e capitano della nazionale cipriota. Infine, ho conquistato il 2 ° posto nella prima Coppa del Mondo di pesca subacquea per club CMAS in Tunisia nel 2018.

Quando e perché hai deciso di aprire una scuola e iniziare con il tuo programma di insegnamento? Insegni sia la pesca in apnea che l’apnea?

NN : Insegnavo l’apnea CMAS dal 2003 con un partner in un negozio locale di apnea e pesca in apnea . Dopo diversi anni di apnea, ho deciso di creare il mio sistema di apnea. Nove mesi di studio e sperimentazione principalmente nella fisiologia dell’apnea e nuove tecniche hanno lanciato la mia filosofia di apnea in un moderno sistema chiamato Apnea Education System International.

In che modo il tuo programma è diverso da altri programmi simili?

Nicolas Nicolaou : Apnea Education System International è un sistema moderno per apneisti che vogliono migliorare o muoversi velocemente e in sicurezza nello sport. Si basa sugli ultimi metodi e pratiche di apnea. Questo è un sistema che si migliora anno dopo anno in seguito alla rivoluzione dell’apnea . Ci sono solo pochi istruttori al momento a Cipro e in Grecia che insegnano la mia filosofia. AESI non è solo i tre livelli di apnea e di istruzione, ma anche copre una vasta gamma di attività di trattenimento del respiro . Il progetto della Sirenetta si basa sull’apnea di bambini dai 6 agli 11 anni, Workshop di apnea dei surfisti e Pesca subacquea in modalità competitiva e non competitiva. Tutto questo viene offerto ai candidati attraverso la teoria in presentazioni PowerPoint, manuali e sessioni in piscina / acque libere.

Eri capitano nell’ultimo Mondiale ad Arbatax, ma alla fine i tuoi atleti non hanno gareggiato, perché sono tornati a casa per problemi che erano fuori dal loro controllo. A parte questo, qual è la tua esperienza con le organizzazioni di WC?

NN : Dopo aver partecipato a tanti gare internazionali, ho maturato l’esperienza per consigliare o giudicare azioni e comportamenti che si verificano. Ho visto davanti ai miei occhi cose inaccettabili e atti poco professionali sia da parte di organizzazioni che di giudici. Per me tutto il sistema e l’approccio allo sport devono cambiare. Le regole devono essere riviste e sincronizzate con i tempi moderni. Come istruttore di apnea la mia preoccupazione è la sicurezza. Molti amici e colleghi di questo sport hanno le stesse preoccupazioni per la sicurezza nelle competizioni internazionali. Stavamo contando i giorni in cui si sarebbe verificato un incidente nello sport. E questo è successo con la perdita di un buon amico e di un forte atleta portoghese, Matthias Sandeck, nell’Euroafriccano in Danimarca nel 2019 . Non voglio aggiungere altro per il ricordo di questo fantastico ragazzo, ma solo una cosa: le regole di sicurezza nei mondiali di pesca in apnea vanno riviste e le risposte sono davanti alla commissione. Il mio suggerimento è molto semplice. Ogni singolo atleta deve portare con sé un safety diver. Tutti i subacquei di sicurezza andranno in sorteggio e saranno assegnati all’atleta di un altro paese. Ciò eliminerà almeno al minimo il rischio di annegamento di qualcuno a causa dell’ipossia o di qualsiasi altro pericolo. Abbiamo tutti un amico che vuole partecipare ad un mondiale. Questo deve essere obbligatorio per tutti gli atleti.

Quali sono i tuoi piani per le gare quest’anno?

Nicolas Nicolaou : Come sapete, la squadra nazionale di pesca in apnea di Cipro o gli atleti di pesca in apnea del club locale sono nelle prime 5 posizioni nelle competizioni internazionali dal 2008. I piani sono sempre gli stessi, partecipare a quante più gare possibile, per aiutare nella promozione del nostro amato sport. L’ Euro-Africano 2022 in Tunisia è il prossimo traguardo . Aspettiamo e attendiamo con impazienza la guarigione di George Vasiliou . La buona notizia è che nelle competizioni locali compaiono nuovi atleti, con prestazioni notevoli.

Dove vivi e qual è il tuo modo preferito di pescare in pesca in apnea e quale pesce?

NN : Vivo a Cipro , l’isola orientale del Mediterraneo. Potrei definirmi poliedrico nella pesca subacquea. La mia capacità di pescare in apnea da 0 a 55 metri mi permette di cercare tutti i tipi di prede. Il mio stile preferito è l’agguato profondo e i miei pesci preferiti sono il dotto e la ricciola . Preferisco cacciare queste due specie per il gusto e le emozioni che si ricevono dopo la loro cattura. La prima specie, per la lunga imboscata che bisogna fare, e la seconda per l’incredibile forza dopo la cattura. L’approccio di entrambi è qualcosa che soddisfa il mio io interiore e soddisfa le mie aspettative di pescatore in apnea .

Hai qualche modo speciale/segreto/qualcosa di diverso dagli altri pescatore in apnea che usi per catturare un pesce specifico o trovarlo?

Nicolas Nicolaou : La conoscenza arriva anno dopo anno e questa diventa un’esperienza. Vivendo su un’isola con quattro stagioni, tutte le specie sembrano avere lo stesso comportamento di tutte nel Mediterraneo. L’unica differenza qui è che quasi tutti i pesci sono profondi. Certo, potresti avere sorprese anche in acque poco profonde, ma per cacciare pesci seri devi avere la capacità di immergerti in profondità. Sono spesso in mare e la possibilità di studiare il comportamento dei suoi abitanti è il mio segreto, direi. Questo è ciò che consiglio ai nuovi atleti. Le tecniche negli articoli e nei video sui social media potrebbero non aiutare tanto quanto il contatto con l’acqua e i pesci.

Hai qualche idea su come cambiare le regole o qualcos’altro per aiutare a proteggere i pesci, ma continuare comunque con la pesca in apnea e le competizioni? Ci sono abbastanza regole per proteggere i pesci o addirittura troppe? Quali regole esistono a Cipro?

NN : Certo, sono contrario alla pesca eccessiva. Le regole devono esserci perché il mare non diventi la vittima alla fine. Un pesce grosso e 5 chili di pesce bianco a persona al giorno è qualcosa che evita un cattivo impatto sul mare. Se consideriamo che i dilettanti visitano il mare solo nei fine settimana e se il tempo è bello, tale regola è una buona soluzione. Oggi a Cipro sono state applicate nuove regole. Un pesce grosso e 5 chili di pesce bianco per barca. Questo non può essere fatto. Immagina quattro persone su una barca che vanno a pescare. I primi due vanno a destra e gli altri due a sinistra dalla barca. Entrambe le squadre sparano a una grossa cernia. Quando si incontreranno di nuovo nella barca avranno due grossi pesci. Questo li rende automaticamente illegali. Come faccio a sapere se uno dei membri dell’escursione ha sparato a un grosso pesce quando sono a 500 metri di distanza? Come ho detto prima, le persone nelle posizioni con il potere di applicare alcune leggi devono essere persone che sanno cos’è la pesca e non persone di partiti politici senza le adeguate conoscenze. Un’altra regola è una richiesta presentata dal dipartimento della pesca di Cipro, cioè la richiesta ai pescatori di indicare il luogo e l’ora in cui andranno a pescare . Inoltre, alla fine, devono comunicare tutti i tipi di pesci che catturano in base al numero e al peso . Infine, il taglio di metà della coda per impedire a qualcuno di venderla ai ristoranti . Per le ultime due regole concordo perché è un modo per aiutare il mare a riprodursi e le nuove generazioni avranno la possibilità di continuare a pescare. Certo, ci sono più regole ma queste sono le principali per me.

Cosa preferisci come attrezzatura per la pesca in apnea ?

Nicolas Nicolaou: Uso l’attrezzatura specializzata della XT Diving Pro . Cerco ed esigo la perfezione sulla mia attrezzatura a causa delle profondità che mi immergo per la pesca subacquea. Le industrie greche dell’apnea e della pesca in apnea sono le mie scelte preferite. Come istruttore di apnea, entro in contatto con molti marchi e materiali utilizzati dai miei studenti e questo mi dà l’opportunità di testare e cambiare opinione sull’attrezzatura. È sempre una bella cosa per me osservare materiali diversi, testarli e prendere le mie decisioni. Negli ultimi anni ho utilizzato arbalete in legno fatti a mano “ Krouk ” che soddisfano al massimo le mie aspettative.

La pesca non è il tuo lavoro, quindi quanto tempo riesci a dedicare alla pesca in apnea oa scuola?

NN : Lavoro per vivere come pompiere . Ho l’opportunità di stare in acqua, se voglio, 20 giorni al mese. Ma questo non è realizzabile a causa di questioni familiari o delle condizioni meteorologiche. Quindi creo il mio programma in base a questi due fattori. Quando dirigo la scuola di apnea rimango concentrato solo su quello. L’anno scorso ho iniziato a pescare in pesca in apnea con le mie due figlie e il mio figlioccio, e questa è la cosa che mi rende l’uomo più felice del pianeta.

(Testo di Valentina Prokic)

Apnea Art Scuola di apnea

https://www.facebook.com/freediveart

Apnea Education System International

https://www.facebook.com/Apnea-Education-System-International-1510292732633662/?ref=pages_you_manage

Respiro trattenuto workshop per surfisti

https://www.facebook.com/1510292732633662/videos/201860431378250

Il progetto della sirenetta

https://www.facebook.com/1510292732633662/videos/1525132691149666

Advertisement