Advertisement

Grande sorriso, sempre in forma, divertimento anche in gara: queste sono le parole che meglio descrivono Justin Lee. Membro della squadra nazionale USA pesca in apnea, vive nel luogo che molti pescatore in apneasognano per i pesci, le isole Hawaii. Ho incontrato Justin durante il Campionato del Mondo di Syros, in Grecia, dove ha lasciato il segno con il 9° posto, come nessuno si aspettava che qualcuno che non è del Mediterraneo potesse sorprendere.

(Di Valentina Prokic)

Valentina Prokic: Come e quando hai iniziato a praticare la pesca subacquea?

Justin Lee: Ho iniziato a pesca in apneaseguendo mio padre in acqua. Il mio primo ruolo è stato quello di portaborse. Il portaborse si assicura che tutta l’attrezzatura necessaria per l’immersione sia presente. A partire dall’attrezzatura di mio padre. Poi, mentre pescavano, tenevo il sacchetto con tutti i pesci in carniere. Niente fiocina, solo la borsa per imparare, e sono andato a fare immersioni per vedere quali pesci pescare. Poi mi è stata regalato un pole spear e alla fine, a 20 anni, ho comprato il mio arbalete.

Valentina P: Come e quando ha iniziato a praticare la pesca subacquea?

JL: Nell’anno 2014. È stata la mia prima grande gara pesca in apnea. Si trattava dei campionati nazionali USOA. Mi sono piazzato al quinto posto.

Valentina P: Quali erano i tuoi obiettivi e quali sono tuttora i tuoi obiettivi nella competizione?

Justin Lee: Tornare sempre a casa vivo e illeso, incontrare e condividere tanti ricordi e risate con persone di tutto il mondo. Dare sempre il massimo, e mi piacerebbe salire un giorno sul gradino più alto del podio!!!

Valentina P: I tuoi migliori risultati fino ad ora? In Grecia e internazionali?

JL: Recentemente ho vinto il nostro campionato nazionale di pesca in apnea qui negli Stati Uniti e al CMAS World Spearfishing Championship 2016 a Syros, in Grecia, mi sono piazzato al 9° posto.

Valentina P: Quali sono i tuoi progetti per le prossime competizioni?

Justin Lee: Ho in programma di partecipare ai campionati mondiali di pesca in apnea in acque interne negli Stati Uniti il prossimo giugno, di partecipare ai campionati mondiali CMAS in Spagna il prossimo anno e ai campionati nazionali di pesca subacquea degli Stati Uniti alle Hawaii.

Valentina P: So che hai vinto le Nazionali di Lake negli Stati Uniti, puoi dirci qualcosa di più su come è andata? Ti aspettavi di vincere? Chi sono stati i tuoi più grandi avversari? Quali pesci stavate catturando?

JL: La mia vittoria più recente è stata a Lake Powell ai campionati nazionali USOA di pesca in apnea. L’acqua era fredda e la visibilità limitata, forse solo 2-3 metri. I pesci erano poco profondi, anche solo 5-10 metri. Dopo il primo giorno, ero molto indietro, avevo il 71% e il leader era un pescatore locale. Non mi piace arrendermi e credo che ci sia sempre un modo per farlo, a patto di tuffarsi con forza e di essere fortunati. Il secondo giorno ho ottenuto un punteggio del 100%, mentre il leader del primo giorno ha ottenuto il 68%, quindi molto vicino, ma sono riuscito a vincere per un soffio!

Il primo giorno abbiamo pescato spigole rigate, walleye e pesci gatto. Il secondo giorno è stato dedicato a spigole rigate e carpe. Lo striped bass, il walleye e il pesce gatto valevano 3 punti ciascuno nella prima giornata, mentre nella seconda giornata lo striped bass valeva 3 punti e la carpa 1. Il primo giorno ho pescato 14 striped bass e 1 walleye, il secondo giorno ho pescato 49 carpe e 18 striped bass.

Valentina P: Sei molto conosciuto nel mondo della pesca in apnea, soprattutto dopo la WC di Syros, dove forse hai sorpreso anche i pescatori in apnea europei con la tua performance. Puoi descrivere la differenza e quanto è stato difficile per te adattarti alla pesca in apneanel Mediterraneo, visto che vivi alle Hawaii?

JL: La cosa più difficile a cui adattarsi è la profondità del Mediterraneo. I pesci sono intelligenti e amano infilarsi nelle tane e senza torcia è stato molto difficile a Syros (la torcia non era permessa in quel WC). La ricerca è stata difficile perché a 50 metri o più non si vedono le rocce e bisogna immergersi ogni volta per vedere. Con una sola settimana a disposizione per l’esplorazione, è stato un lavoro intenso solo per vedere il fondo. Tuttavia, mi è piaciuto molto. Le immersioni profonde e la sfida dei pesci intelligenti hanno fatto emergere il meglio di ogni concorrente. Vorrei che Syros non fosse stato il mio primo mondiale perché credo che se avessi potuto immergermi con quello che so ora sui mondiali avrei fatto meglio. Non vedo l’ora di tuffarmi di nuovo nel Mediterraneo!!!

Valentina P: Qual è il tuo modo preferito di pesca in apnea e quali pesci?

Justin Lee: Mi piace sedermi e aspettare il pesce. Mi piace nascondermi e cercare di superare in astuzia i pesci. Il mio pesce preferito qui alle Hawaii è il Mu. Poiché sono così intelligenti, è sempre una sfida, e vengono sempre festeggiati quando vengono portati a casa per cena. Sono anche molto sorprendenti da mangiare.

Da sinistra: Francisco Loffredi, Valentine Thomas, Ryan Myers e Justin Lee al termine di una giornata di Ryanmyers_expeditions in Florida.
Da sinistra: Francisco Loffredi, Valentine Thomas, Ryan Myers e Justin Lee al termine di una giornata di Ryanmyers_expeditions in Florida.

Valentina P: Hai qualche modo speciale/segreto/qualcosa di diverso dagli altri pescatore in apnea che usi per catturare determinati pesci o per trovarli?

Justin Lee: Dico alla gente che bisogna trattare il pesce come la bella ragazza del bar. Quando si lascia la superficie è come se si entrasse in un bar, bisogna essere fluidi, senza grandi schizzi, e lenti, senza grandi movimenti. Scendere fluidi e arrivare lentamente sul fondo. Una volta arrivati in fondo, muovetevi con calma e tranquillità, senza fretta, per non attirare troppo l’attenzione.

Come al bar, non potete fissare la ragazza, la fareste sentire a disagio. Quindi guardate con la coda dell’occhio. Mi piace grattare il fondo e poi stare molto fermo. Cercate di attirare gli “amici della bella ragazza”, rimanendo calmi e facendo in modo che i pesci più piccoli vengano ad indagare su di voi. Se i pesci piccoli si avvicinano e non si spaventano, di solito il pesce che si vuole catturare inizierà lentamente ad avvicinarsi. A questo punto si sposta lentamente l’arbalete, si prende la mira e si preme dolcemente il grilletto.

Valentina P: Cosa preferisci come attrezzatura?

JL: Mi piacciono la mia muta Polosub , gli arbalete Aimrite e Pathos . Non cambio spesso attrezzatura perché mi piace sentirmi a mio agio con la mia attrezzatura. Quindi non cambio da più di 5 anni.

Valentina P: La pesca non è il tuo lavoro. Quanto tempo riesci a dedicare alla pesca in apnea?

Justin Lee: Cerco di pescare almeno 2 volte a settimana. Di solito, un’immersione veloce di meno di 2 ore e una volta alla settimana cerco di fare un’immersione lunga, di solito tutto il giorno. Se non posso, cerco di nuotare o di fare surf per rimanere in acqua.

Valentina P: Recentemente ho visto che avete scuole e corsi di pesca subacquea? È corretto? C’è un grande interesse per la pesca in apnea tra i giovani?

JL: Poiché molti bambini alle Hawaii stanno iniziando a praticare la pesca subacquea, vogliamo assicurarci che lo facciano in modo sicuro. Quindi, su freedivesafehawaii.org, offriamo corsi gratuiti per persone tra i 12 e i 25 anni. Se possiamo aiutare la prossima generazione di subacquei a immergersi in modo più sicuro, possiamo sperare di salvare le persone per sempre. Vogliamo solo incoraggiare la prossima generazione e assicurarci che sappia cosa cercare e cosa sentire.

Valentina P: Sei anche un cacciatore di successo. Come hai collegato il mare e la foresta?

JL: Seguire mio padre in montagna e vedere la sua abilità nel trovare e raccogliere cibo mi ha incuriosito da piccolo. La caccia con l’arco è molto simile alla pesca subacquea, ovvero alla caccia sott’acqua. Ci sono molte delle stesse competenze necessarie in entrambi i casi. La capacità di leggere la situazione e il linguaggio del corpo dei pesci o degli animali gioca un ruolo fondamentale per riuscire a portare a casa la cena.

Valentina P: Credo che alle Hawaii esistano leggi per proteggere il mondo marino, ma che permettano comunque di pescare? Quali sono le restrizioni?

Justin Lee: Alcune leggi limitano la cattura di certi pesci in determinati periodi. Lo stesso vale per le stagioni delle aragoste e dei granchi. Per quanto riguarda le normative, le Hawaii sono meno regolamentate rispetto ai laghi e agli oceani degli Stati Uniti continentali.

Valentina P: C’è molto pericolo di squali durante la pesca subacquea? Come riuscite a gestirlo?

JL: Gli squali sono una costante qui. Si presentano e salutano sempre. Tuttavia, cerchiamo di non dare da mangiare agli squali e di non permettere loro di prendere le nostre catture. Quindi la maggior parte delle volte li si punzecchia sul naso e si cerca di mandarli via. Se gli date da mangiare o se prendono le vostre catture, cominceranno a educarsi a credere che se vedono un subacqueo c’è cibo.

Valentina P: Ti piace anche preparare il pesce da mangiare?

JL: Adoro il sashimi, qualsiasi pesce che posso trasformare in sashimi lo faccio. Mi piace assaggiare il pesce. Quando cucino il pesce, uso ingredienti semplici per esaltarne il sapore. Le erbe fresche e il limone sono i miei preferiti.

Valentina P: Ha qualche consiglio da dare ai lettori di Apneapassion?

Justin Lee: Credo che il miglior subacqueo sia quello che si diverte di più. Se lo si prende troppo sul serio e non si sorride che senso ha? Credo che se si è lì per divertirsi, fare nuove amicizie, oltre a dare il massimo e a spingere durante la competizione, i risultati saranno buoni. Ma la cosa più importante è divertirsi e immergersi in sicurezza per poter tornare a casa e godersi le catture con la propria famiglia.

Advertisement