Advertisement

Antonio Buratović

(Di Valentina Prokic)

L’inizio

Antonio Buratović è uno dei migliori pescatori croati. È nato sull’isola di Hvar, dove vive ancora oggi. La pesca subacquea è per lui uno stile di vita, perché è il suo lavoro. Buratovic è in mare tutto l’anno, quando il tempo lo permette.

Valentina Prokic: Come hai iniziato con la pesca subacquea?

Antonio Buratović: Quando ero piccolo mio padre mi regalò un fucile a molla in regalo. Mi parlò della pesca subacquea e mi incuriosì. A Milna molti giovani pescano con arco e frecce in acqua bassa o con un arpione, ed è così che ho iniziato. Sono stato seriamente coinvolto nella pesca subacquea quando ho avuto la possibilità di acquistare la mia prima licenza e un arbalete. Uno cosa tirava l’altra, così ho iniziato lentamente a gareggiare.

Antonio Buratovic with a great amberjack Antonio Buratovic at the Open Spearfishing Championship in South Africa 2010 Antonio Buratovic second at the World Spearfishing Championships at Mali Losinj

Le gare

VP: I migliori risultati sono iniziati nel 2005 e 17 anni dopo sei ancora al top. Qual è il segreto?

AB: Ho avuto una pausa dopo il 2010, perché dopo il Campionato del Mondo a Mali Lošinj ho vissuto una taravana, quindi avevo paura. Quando ho ricominciato a immergermi, l’ho fatto con moderazione, non ero rilassato. Volevo andare alle gare, soprattutto perché potevo incontrare i miei vecchi amici. Sapevo ancheche non potevo raggiungere il massimo perché mi stavo trattenendo. Ma quattro, cinque anni fa, sono riuscito a superare tutto. L’estate scorsa credo di aver fatto le migliori immersioni della mia vita, in termini di profondità e tempo. In punti intorno a – 40 metri precedentemente mi tuffavo in assetto variabile e sparavo ai pesci fuori dalla tana. Ma ora facevo immersioni in assetto costante e con lunghe permanenze sul fondo. Non so cosa si prova quando un uomo invecchia, che sia legato alla testa che ad altro, ma non sono mai stato in grado di immergermi bene come l’estate scorsa.

VP: Hai vinto la medaglia d’argento ai Mondiali del 2010 a Mali Losinj, hai vinto due volte il titolo croato, sei stato argento e bronzo croato, hai vinto due volte la Champions League in Grecia e sei stato il vincitore del Campionato Sud Africano Open. C’è qualcos’altro che vuoi ottenere, ma non sei ancora riuscito?
AB: Tutti vorrebbero essere campioni del Mondo e d’Europa, ma non l’ho mai considerato realistico. Sono stato bravo a Mali Losinj e se avessi avuto qualcuno che mi aiutava, forse avrei potuto battere Daniel Gospic, ma è solo un forse. Volevo essere il campione della Croazia, e lo sono stato, due volte. Quella era la cosa più importante per me. Vorrei vedere a che punto sono rispetto a Stjepko Kesic, perché ora lui è molto forte, si è liberato. Quando ha gareggiato contro Daniel Gospic non è mai stato in grado di esprimersi. Non credo che non avesse le qualità, ma mentalmente era bloccato. Dani lo bloccava mentalmente, per esempio, catturava un pesce davanti a lui da qualche parte velocemente. Ora che Dani ha smesso con le competizioni, Kesic è totalmente sollevato e vorrei prepararmi molto bene per vedere se riesco a batterlo. E’ stato il campione a Peljesac, io il secondo e ne sono stato felicissimo, ma mi piacerebbe vedere se è più forte di me in questo momento o no!

VP: Hai fatto parte di quella lotta durante gli anni in cui Daniel Gospic ha “governato” le competizioni, ma sei riuscito a batterlo.
AB: Non avevo paura di lui in zone non troppo grandi e troppo basse, dove la profondità cresceva velocemente, dove Dani non poteva avere il vantaggio di alcuni punti che nessuno conosce. Dani è un pescatore straordinario, sa adattarsi alla situazione, sa come gestire, e con tutto ciò, ha sempre avuto un sacco di punti per se. Ma ha anche altre capacità. Conosce le persone, chiede e ottiene informazioni, e questo lo eleva ancora di più. Ma l’ho battuto due volte. Non mi sembrava invincibile in alcune zone, mentre in altre era come un alieno, non potevi far altro che fermarti, guardare e piangere.

Il futuro di Antonio Buratović

VP: Hai gareggiato per così tanti anni, quali sono le differenze tra allora e oggi?
AB: Oggi ti immergi molto più in profondità, e in passato c’erano molti più pescatori forti fino a 30 metri. C’è molta più concorrenza in profondità ora rispetto al passato. Io mi immergevo a 33-34 metri, poche persone facevano lo stesso, nemmeno Dani, che prima non amava le profondità. Ora la maggior parte delle persone, quando preparano la competizione, preparano la profondità, come Sandi Perusko, Sandi Imbrisic, Bruno Zic e Stjepko Kesic, che è di una classe superiore. Ora i pescatori subacquei ottengono risultati migliori ad alta profondità.

VP: C’è qualcosa che cambieresti nelle regole di gara, ma senza perdere la magia della pesca subacquea?
AB: Abbiamo ancora il problema di alcuni “concorrenti” che pompano il pesce con le iniezioni, soprattutto quando non c’è lo strumento per il controllo del pesce. È necessario aggiungere nel regolamento la lunghezza minima, in modo che se il concorrente gonfia il pesce, non può comunque essere valido perché non ha la lunghezza sufficiente. Con questa soluzione potremmo almeno prevenire le frodi, che sono ancora molto presenti. Inoltre, si eviterebbe la cattura di pesci più piccoli. Potrebbe anche ridurre il numero di pezzi e aumentare il peso.

VP: Per quanto tempo intendi competere?
AB: Finché la mia salute mi serve, finché i miei amici vogliono venire con me. Andrei anche alle eliminatorie per nove giorni, ma nessuno vuole venire con me. Vorrei essere ben preparato per la competizione come una volta e ho bisogno di almeno 9-12 giorni. Ora sembra che non riesca a conoscere bene tutte le aree di gara. Se mi preparassi così, potrei sempre essere tra i primi tre. Per quanto riguarda la nazionale, penso che ancora un anno, forse due, non saranno certo dieci anni (hahahahaha). Dopotutto, avrò 45 anni presto.

I segreti di Antonio Buratović svelati!

VP: Quando non gareggi, quale pesce catturi di più e dove?
AB: I dentici in tarda primavera, e in estate cernie e scorfani rossi, ma non ce ne sono tanti come una volta. Non puoi trovare le cernie in alcuni posti dove c’erano una volta, non ce ne sono. Ma ci sono posti che ho trovato 20 anni fa con tre o quattro cernie, dove ora ci possono essere anni in cui ce ne sono sei o sette. Ci sono ancora più cernie di prima, e soprattutto sono apparse più cernie bianche, ma non ovunque, dipende dalla microlocalizzazione. Pesco su un vasto terreno intorno alle isole Hvar, Korcula, Vis e Palagruza e alle scogliere tra Korcula e Vis.

VP: Hai un metodo segreto che usi durante la pesca?
Antonio Buratović: Molti anni fa cacciavo lo scorfano rosso in modo diverso dagli altri. Osservavo i grandi mucchi di rocce da lontano e “scansionavo” per vedere se lo scorfano rosso fosse “attaccato” su di loro da qualche parte. Non guardavo sotto le rocce o dentro buchi perché altri lo stavano già facendo. Quando pesco il dentice, cerco di planare il prima possibile e scivolo molto, non vado dritto, cado più come una foglia secca.
Cerco di cadere il più dolcemente possibile, di fare il minor rumore possibile, e mi assicuro di farlo a testa bassa in modo che il sole non colpisca direttamente la maschera. Mi rivelo completamente e poi scendo e mi nascondo. Non metto mai l‘arbalete sulla parete, né sulla roccia, per me l’arbalete per il dentice è sempre posizionato lungo il corpo, e l’asta è un po’ sopra la mia testa. Non ho mai messo mano e arbalete davanti a me. Quando il pesce si muove verso di me, sposto l’arbalete verso il pesce.

Antonio Buratovic with a great amberjack Antonio Buratovic with a dusky grouper and a white grouper Antonio Buratovic with two great white groupers Antonio Buratovic with a white grouper and a dentex

Advertisement