Advertisement
Andreas Costanasios e Giacomo De Mola

Andreas Costanasios entra nel team Pathos, non da pescatore, ma da esperto di progettazione e sviluppo del prodotto, un ulteriore passo nella crescita costante dell’azienda greca.

Andreas Costanasios è un campione greco di pesca in apnea con buoni risultati in molte competizioni, come essere stato campione greco a squadre nel 2012 e 2016, vincere tre volte il torneo di pesca in apnea della Syros Nautical Week ed essere 3 volte vincitore del campionato di pesca in apnea Glafkos. È stato un atleta della squadra nazionale greca in Croazia nel 2010 e un selezionatore di atleti della squadra nazionale greca tra il 2014 e il 2018, con l’ottimo risultato di Campione del mondo con la squadra nazionale al Campionato Mondiale a SYROS nel 2016.

Nato ad Atene nel 1973 ha gareggiato per la prima volta nel 1996, insieme al celebre campione greco Roberto Calich.

Ha anche scritto un libro dal titolo “In the fish Hunter’s Lab“ (2017), con contenuti frutto della grande esperienza e passione di Andreas Costanasios per migliorare tutta l’attrezzatura per la pesca in apnea, anche grazie al suo grande talento nel disegnare e progettare oggetti in 3 dimensioni. Tutte queste qualità hanno contribuito a farlo essere richiesto da molti club di tenere seminari e workshop in tutta la Grecia. È anche uno dei primi YouTuber di pesca subacquea, vincendo anche il primo posto ai Deepex Spearfishing Video Awards.

Da novembre 2020 Andreas Costanasios collabora con Pathos nel reparto design e nuovi prodotti e nel controllo qualità della produzione.

Quindi un campione ed esperto di product design che va a rafforzare ancora di più il team Pathos, che già negli ultimi anni ha dimostrato attraverso i suoi prodotti la capacità di innovare e di portare alta qualità ed esperienza nel mercato della pesca in apnea.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Andreas Costanasios per saperne di più su di lui e sul contributo che può dare a un’azienda forte come Pathos.

ApneaPassion: come hai iniziato a pescare in apnea?

Andreas Costanasios: Il mio viaggio nella pesca in apnea è iniziato quando avevo 13 anni. Fino a quel momento ho usato solo la lenza. Poi, ho notato che i pescatori in apnea tiravano fuori trofei più grandi di noi pescatori di superficie. Il resto, beh … è storia.

AP: Come e quando hai iniziato a competere?

AC: La passione e l’ammirazione verso tutte quelle persone di cui leggevo su riviste e libri di pesca in apnea è esistita da quando ero bambino. Colleziono numeri vintage e articoli di anche oggi! In quelle pagine che allora amavo leggere, un uomo mi ha colpito di più: Roberto Calich. Ho avuto l’onore, in seguito, di conoscerlo di persona ed è stato lui a fidarsi e a scegliere me per entrare nella sua squadra. L’anno era il 1996. Il luogo era l’isola di Syros. Il premio è stato il 1 ° posto al Syros Championship di quell’anno.

AP: Cos’è Pathos per te? Cosa rappresenta Pathos per un atleta greco?

AC: Pathos è stata una grande opportunità per me per fare buon uso e per sviluppare la mia inclinazione verso la progettazione e la produzione di tutto ciò che è legato alla pesca in aonea. Mi considero molto fortunato di poter lavorare su qualcosa che amo così tanto. Per quanto riguarda le esigenze degli atleti greci, Pathos è sempre stata di grande aiuto, fornendoci l’attrezzatura più sicura ed efficiente; per non parlare del sostegno finanziario che riceve ogni atleta sotto l’ombrello Pathos. Sono sicuro che tutti lo sanno …

AP: Pescatore in apnea, atleta e campione di pesca in apnea, poi giornalista, scrivi un libro sull’attrezzatura per la pesca in apnea. Cosa puoi dare ora a una grande azienda come Pathos come supporto sui prodotti e in generale?

AC: Dal 1991 mi occupo di migliorare la mia attrezzatura per la pesca in apnea, progettando e creando conversioni, al fine di far funzionare al meglio la mia attrezzatura. Durante il mio tempo con Pathos, intendo utilizzare la mia esperienza di 34 anni sia per concepire e realizzare nuove idee, sia per migliorare in prodotti in produzione oggi.

AP: Quali prodotti Pathos preferisci e quali prodotti hai qualche idea per migliorare?

AC: Il mio prodotto Pathos preferito sono gli arbalete Laser e Saragos. Amo la loro semplicità e la precisione del loro meccanismo di sgancio. Mi piacciono anche le pinne in carbonio Pathos per due motivi: a) Forniscono la spinta di cui ogni pescatore profondo ha bisogno e 2) Sono comode. Le basi di cui tutti abbiamo a che fare sono l’arbalete, le pinne e la maschera, insieme ai loro accessori. Noi, come staff di Pathos, ci concentreremo su questi prodotti per cominciare.

AP: Quali prodotti Pathos hai già provato nella tua carriera e cosa ti è piaciuto di più?

AC: Il fucile Laser a testata chiusa (vecchia scuola) e un’asta più lunga inserita avranno sempre un posto nella mia sacca. La mia prova più recente di prodotti Pathos è stata con lo Sniper. La sua precisione, il movimento sott’acqua e il perfetto equilibrio mi hanno davvero stupito. Lo consiglio vivamente! Inoltre, vale la pena provare i mulinelli e le aste Pathos!

Advertisement