Advertisement

Una campionessa di pesca subacquea spagnola

Abbiamo avuto la felice opportunità di parlare con Ainhoa Abellán, la campionessa di pesca subacquea del Team Cressi Spagna. Ainhoa vive e pratica la pesca subacquea a Barcellona, ​​e negli ultimi anni ha mostrato un alto livello e sempre con una traiettoria ascendente. Ainhoa Abellán è già titolare nella nazionale spagnola, essendovi presente dal 2019. L’anno scorso ha fatto un grande salto con un secondo posto nella nazionale tenutasi in Cantabria. Sempre l’anno scorso ha ottenuto un terzo posto al Campionato del Mondo svoltosi ad Arbatax.

(Di Bernat Castell Pallicer)

campionessa di pesca subacquea
Ainhoa Abellán – Foto di Tanausù Motas

Intervista alla campionessa di pesca subacquea

Bernat Castell Pallicer: Stai mostrando un record di risultati impressionante, soprattutto nell’ultimo anno. Hai degli obiettivi fissati per il futuro?
Ainhoa ​​​​Abellán: Il mio obiettivo principale è migliorare ogni giorno e fare del mio meglio ogni volta, dare il massimo, almeno mantenere il livello, ma cercare sempre di dare un po’ di più. Certo mi piacerebbe raggiungere la vetta in questo sport, ma non mi piace essere ossessionato da un obiettivo. Preferisco divertirmi a dare il massimo ogni volta.

L’inizio e la pesca subacquea femminile

BCP: Raccontaci un po’ dei tuoi inizi. Come è nato il tuo interesse per la pesca subacquea?
AA: Non è stato molto difficile diventare una appassionata di pesca subacquea dato che mio padre la praticava già quando ero piccola. Certo, vedere mio padre mi ha dato amore e passione per il mare. All’inizio, la tipica cosa con la maschera ad esplorare il fondo del mare e scoprire ogni volta piccole cose. Poi ho cominciato ad accompagnare mio padre.

Ero piccola e non potevo caricare l’arbalete, quindi me lo caricava mio padre ed è così che riuscivo a catturare cefali e alcuni saraghi. Sono bei ricordi. Quando sono cresciuta ho lasciato un po’ da parte la pesca, ma poi ho finito per tornare indietro, il mare ti cattura.

BCP: Per quanto riguarda le donne nella pesca subacquea, come vedi tu, campionessa di pesca subacquea, la situazione e il futuro?
AA: Secondo me le cose sono un po’ stagnanti, si va avanti ma lentamente. A poco a poco si aggiungono nuovi atleti ed è un bene. Incoraggio tutte le donne a farsi un nome in questo sport, incontrare altre pescatrici subacquee e godersi il mare.

Attrezzature e zone di pesca subacquea

BCP: Per quanto riguarda il materiale che usi, cosa puoi dirci?
AA: Che dire di Cressi, felice, orgogliosa di appartenere e di avere la fiducia di uno dei migliori marchi al mondo.
Tutto il materiale è spettacolare e non posso dire altro in termini di qualità, versatilità e garanzia. Pochi marchi rispondono quando hai problemi con il materiale. Mi sento a mio agio nell’usarlo e questo è fondamentale, stare bene in acqua. È lì che puoi vedere i risultati.

Di solito faccio più attenzione all’arbalete: l’asta, gli elastici, il nylon. Mi fa molto arrabbiare sbagliare colpi e perdere una buona preda perché non magari non ero pronta. Suppongo che succeda a tutti noi.

BCP: In quale zona/e di solito pratichi la pesca subacquea?
AA: Per via della vicinanza, vado nella zona di Barcellona, ​​che è dove sono più vicino poiché unisco la pesca al lavoro. Se ho più tempo libero, vado un po’ più in là, a Gerona o a Tarragona.

BCP: Qual è la tua tecnica di pesca?
AA: Un po’ di tutto, a seconda della giornata o delle condizioni del mare, mi adatto. Pesco in tana, all’agguato e all’aspetto. Non sono una che si concentra solo su un tipo di pesca subacquea. Mi piace essere versatile e mi piace sia la pesca in apnea con aspetto alle spigole in acque basse sia la ricerca della cernia in tana.

campionessa di pesca subacquea

campionessa di pesca subacquea

Advertisement