Advertisement

Al Dema Show abbiamo incontrato Sam Skinner, Brand Manager della JBL International, una delle aziende americane leader nel mondo della pesca in apnea, specializzata in arbalete, ma non solo. 

Apneapassion: Ciao Sam, quali sono le novità JBL al Dema?

Sam Skinner: Certamente la boa, con maniglia superiore e inferiore, e una struttura estremamente rigida grazie a dei pannelli in fibra di vetro posizionati internamente. Questa struttura così rigida e larga determina una superficie superiore che farà maggiore attrito in acqua e si opporrà maggiormente al tiro del pesce. Solo grazie alla struttura rigida si riesce a mantenere la forma data senza che questa si deformi a quella di un pallone. 

Poi c’è il sistema di richiamo a specchietti (flashers) tutto contenuto in un involucro di plastica che aperto permette lo srotolamento di tutta la linea lunga circa 6 piedi (1,82 metri) e poi funge da galleggiante. I pesci incuriositi dai riflessi verranno verso la superficie e inizieranno a ruotare intorno alla linea.

Le pale in carbonio sono una novità per JBL, chiamate “Xcelerator” montate su scarpette nostre, che abbiamo già lanciato sul mercato precedentemente. Questa è particolarmente performante, fatta 100% in latex, ma con ben tre diverse densità e quindi durezze, con la parte posteriore molto morbida, il collo medio e la suola dura. Le pale sono in carbonio Pre-Preg 45° twill di due durezze, media e morbida, e angola pala scarpetta di 26°

Per quanto riguarda gli arbalete, esponiamo il Reaper, già lanciato lo scorso anno, ma nel frattempo abbiamo introdotto soluzioni di punta con due colorazioni mimetiche sulla canna, Sea-Floor e Aqua Kryptek. Gli arbalete sono realizzati con un meccanismo di sgancio completamente in acciaio. La testata è realizzata con delle guide che sollevano gli elastici per poi farli allungare in direzione parallela alla canna e all’asta, in modo che al momento del rilascio si sposteranno nella direzione più efficace. 

Infine le mute, con la Vertigo, che riprende il suo nome e la sua colorazione mimetica da quelle della navi militari della prima guerra mondiale realizzate a strisce per non far comprendere esattamente quale parte della nave si stesse guardando. La mimetica a strisce della muta Vertigo sono è realizzata su una immagine del fondale tropicale. La muta ha soluzioni interessanti sul cappuccio, dove per esempio nella zona delle orecchie il neoprene interno è foderato per evitare il fastidioso effetto ventosa, mentre un minuscolo foto sopra la testa permette di eliminare eventuali bolle d’aria. Chiaramente quest’ultima soluzione è applicabile solo in mari piuttosto caldi, e quindi su mute con spessori ridotti. 

 

Advertisement