Advertisement

Kristian Corrias (Cressi), già vice Campione 2017, vince il Campionato Italiano Assoluto di Pesca in Apnea 2018, proprio nelle acque di casa sua, e lo fa con due giornate nelle quali non ha rivali. Alle sue spalle un sempre ottimo Salvatore Roccaforte (Sigalsub). Terzo Claudio Marconcini (Saxsub)Cressi torna ad essere nuovamente Campione d’Italia.

Kristian Corrias e Bruno De Silvestri vittoriosi al rientro dal 2 giorno dell’assoluto di pesca in apnea 2018
Roccaforte-De Mola
Claudio Marconcini Saxsub

Acqua fredda a 14°C e corrente da sud, con anche una visibilità non ottimale, hanno reso le due giornate di competizione molto complesse, con punti segnati in fase di preparazione praticamente inutilizzabili perchè quasi sempre privi di pesce. Le strategie si sono quindi mosse dalla pesca fonda sui 30 metri, a quella in costa, più difensiva per poter fare carniere, seppur di prede di dimensioni più contenute. La pesca in costa è stata possibile grazie al permesso ottenuto da FIPSAS a chiudere la zona di pesca ai bagnanti negli orari della competizione (un grazie all’amministrazione locale per il buon senso e la disponibilità dimostrata). Si sono quindi visti atleti passare da pesca fonda a pesca in parete/acqua bassa, anche presso l’isola della Vacca, mettendo e togliendosi schienalini, e sfrecciando in gommone dalla costa al mare aperto e viceversa.

Corvine e saraghi, come anticipato dal nostro Gabriele Delbene, ma anche saraghi, musdele, salpe, spigole e alcuni gronchi, capponi e orate, sono stati le catture di questo Campionato Assoluto di Pesca in Apnea.

La classifica finale ha quindi visto Corrias (200%), Roccaforte (104,97%) e Marconcini (85,31%) sul podio, seguiti in classifica finale da Angelo Ascione (Cressi), Rosario Lopis (Blue Green) e Diego Mazzocchi (Omer). Un Assoluto che ha visto il dominio…assoluto del fortissimo Kristian Corrias, le cui capacità non sono mai state messe in discussione, ma che ancora non aveva conquistato un titolo importante come quello del Campionato Italiano Assoluto di pesca in apnea 2018.

Angelo Ascione
Rosario Lopis 5° assoluto
Diego Mazzocchi 6° assoluto

Importante notare come Corrias sia stato nettamente primo in entrambe le giornate, dove il suo 100% è stato contrastato, ma solo a distanza, dal sempre micidiale Roccaforte (58,34%) nella prima giornata, e da Luigi Puretti (Omer), Campione Italiano 2016 a Castelsardo, nella seconda giornata (71,75%), ma che nella prima ha avuto una debacle assoluta con solo un pesce valido e 8,51%. Corrias ha quindi annientato gli avversari grazie alla costanza e all’assoluta efficacia della sua azione di pesca: “attaccare sempre, questo è il mio approccio in gara, e lo è stato tanto più qui a Sant’Antioco, come lo sarà anche al Mondiale in Portogallo a settembre (dove AP sarà presente per seguire l’evento in diretta – ndr). Al mio fianco ho avuto Bruno De Silvestri, merito soprattutto a lui”. Certo, un punto chiave è stato il “barcaiolo”, anche se chiamarlo così fa un poco sorridere. Pluricampione e conoscitore più di chiunque altro della zona di pesca dei campi gara, De Silvestri è stato certamente un asset chiave per la vittoria di Corrias. Va detto, però, che, come ha commentato Corrias sorridente subito dopo la vittoria, quando lo abbiamo intervistato ancora con la muta indosso, “i pesci vanno anche presi”.

Corrias-De Silvestri

E se la coppia stra-vincente Corrias-De Silvestri ha spiccato fra i concorrenti, altrettato lo ha fatto la coppia “mondiale” Roccaforte-De Mola, che ha ottenuto infatti la seconda piazza. E qui due parole vanno spese su Roccaforte, un atleta che è sempre fra i primi, sia quando partecipa a competizioni internazionali, sia negli Assoluti, dove già lo scorso anno aveva conquistato il terzo gradino del podio.

Roccaforte – De Mola

Marconcini, terzo nella prima giornata (49,13%), si difende anche nella seconda e strappa il podio con 85,31% ad Angelo Ascione (84,24%), che nonostante i problemi di salute che lo hanno limitato nella prima giornata (22,46%), sfrutta tutta la sua astuzia ed esperienza e con uno ottimo secondo giorno (61,76%) si piazza quarto ad un soffio dal podio. Anche Rosario Lopis, in terra sarda ottiene un fantastico 5 posto, a pochissima distanza dal podio (81,48%).

Claudio Marconcini verso il campo gara il 2° giorno
Angelo Ascione pesatura giorno 2
Lopis e il suo barcaliolo esultano

Sesto il primo atleta Omer, Diego Mazzocchi, “salvatore della patria”, visto che lo squadrone (circa 10 atleti ufficiali) dell’azienda per eccellenza volta alla pesca in apnea a Sant’Antioco è apparso molto sottotono, con posti di ripiego di atleti estremamente quotati come Puretti, Gian Franco Loi e Rocco Cuccaro, Campione Italiano uscente, e solo 13esimo.

Concetto Felice, nuovo atleta di punta Salvimar, titolare al prossimo Mondiale in portogallo, ottiene un discreto 9° piazzamento, grazie ad una pesca quasi titalmente sottocosta che gli ha fruttato molte prede, delle quali però solo una parte a peso.

Concetto Felice (Salvimar)

Alle sue spalle è Federico Giudice della Abyssub, mentre per trovare un atleta Mares bisogna arrivare addirittura alla 15esima posizione, con Diego D’Alessandro che grazie ad un ottima seconda giornata (52,63%), si salva in extremis dalla retrocessione dopo una prima giornata tragica (0%).

Federico Giudice (Abyssub) 10° assoluto
Diego D’Alessandro (Mares) 15° assoluto

Un commento finale va a Dario Maccioni (Cressi), nazionale in Grecia a Syros, che ha voluto provare a fare risultato in entrambe le giornate, senza mai spostarsi sulla costa per fare un carniere “difensivo”, strategia che purtroppo lo ha relegato alla 19 posizione finale, che l’anno scorso lo avrebbe salvato (ne rimanevano in prima categoria 20), ma quest’anno lo condanna e retrocede in second categoria (solo i primi 15 si “salvano”).

Anche il plurivincitore di titoli italiani, Nicolò Riolo (Top Sub), ha avuto un Assoluto difficile, con addirittura la 36esima posizione finale su 38 atleti partecipanti.

Classifica finale

Entrambi gli atleti si rifaranno, lo speriamo, al Campionato CMAS per Club in Tunisia, che si svolgerà da 27 giugno al 1 luglio e al quale parteciperà anche il “nostro” Gabriele Delbene, proprio in squadra con Dario Maccioni. Altri nomi illustri sono Renzo Mazzarri e Riccardo Molteni, ma anche il Campione del Mondo in carica, il cipriota George Vasiliou (XT Diving), e il terzo sul podio del Mondiale di Syros, il greco Gerasimus Kavvadias (XT Diving).

Seguiremo tutta la manifestazione in diretta Facebook e con foto e articoli grazie alla nostra corrispondente Valentina Prokic.

 

 

 

Advertisement