Advertisement

Introduzione

Lo spagnolo Oscar Cervantes e l’italiana Tiziana Martinelli vincono rispettivamente il 33° Campionato Euro-Africano di pesca sportiva maschile e il 2° Campionato femminile CMAS. La Spagna vince il titolo a squadre nella classifica maschile e l’Italia in quella femminile. L’italiano e campione del mondo Giacomo De Mola è secondo e lo straordinario tunisino Ahmed Ben Salah terzo con un fantastico podio in casa.

Squadre e atleti

13 nazioni hanno partecipato al 33° Campionato Euro-Africano di pesca in apnea maschile e 2° femminile in Tunisia, a Bizerte. Algeria, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Portogallo, Sudafrica, Spagna, Tunisia e Turchia sono state le squadre nazionali presenti. Tra questi hanno ben figurato la Croazia, l’Italia, il Portogallo e la Spagna, coinvolgendo anche le squadre femminili. Ci auguriamo che anche le altre nazioni si impegnino a fondo per essere presenti con la squadra femminile al Campionato mondiale di pesca in apnea CMAS che si terrà in Spagna il prossimo anno. Un totale di 37 uomini e 9 donne sono stati gli atleti ufficiali scesi in acqua, ma molti altri campioni sono stati coinvolti come supporto alle squadre. Un grande successo di partecipanti che sottolinea la straordinaria e sempre crescente passione per questo sport!

Condizioni e preparazione

Condizioni di caldo estremo durante il periodo di preparazione. L’acqua era a 27°C in superficie con un termoclino fortemente variabile che si muoveva da pochi metri fino a – 18 metri. L’acqua scende a circa – 18°C sotto il taglio freddo. Il pesce si muoveva molto, come hanno commentato molti atleti, qualiValerio Losito e Nikos Kambanis, capitano della Grecia. La variabile che però è cambiata negli ultimi due giorni è stata la chiave. La corrente, quasi assente nei giorni precedenti la gara, negli ultimi due giorni di preparazione è diventata estremamente forte!!! Queste condizioni sono state costanti anche durante i due giorni di gara. Immergersi in profondità, anche oltre i 40 metri, per trovare una piccola tana di roccia per una cernia è stato estremamente impegnativo.

Giorno 1

Un grande ritardo alla partenza dal porto e in mare per registrare tutte le barche, ha reso la giornata molto più lunga del dovuto. Il ritardo è stato in parte giustificato da problemi imprevedibili con tre barche. Tuttavia, l’assenza di un megafono per raggruppare tutti i partecipanti in mezzo al mare prima della partenza e le specifiche poco chiare della procedura hanno reso le cose ancora più complicate.

Il campo di gara scelto per la prima giornata è stato quello più vicino al porto, diversamente dalla procedura standard. Infatti, di solito il campo del primo giorno viene scelto più lontano, poiché il secondo giorno è più ricco di eventi, come la premiazione, e quindi la competizione deve terminare prima. La scelta della Federazione tunisina è stata fatta prevedendo più pesci nel campo di gara più vicino, e quindi più tempo per la pesatura. È stata una decisione corretta, anche considerando della messa a punto dell’organizzazione e dei ritardi del primo giorno.

Giornata calda e tiepida con un po’ di vento e di onde, la competizione con le barche al largo dei loro spot inizia finalmente poco prima delle 11.30. Troppo tardi!

La cernia è il pesce da catturare. La Cernia brunadeve essere catturata in un massimo di due esemplari e con un peso minimo di 7 kg. Tutte le altre cernie, la il dotto, la dorata, la bianca ecc. possono essere catturate in un massimo di 5 esemplari e il peso minimo è di 2 kg.

Nel corso della giornata De Mola cattura subito due grosse cernie brune di 14 e 9 Kg e un dotto di 5 Kg. Poi è Xavi Blanco ad essere visto direttamente da noi dalla barca della stampa con due cernie brune di circa 10 kg e un dotto di oltre 5 kg. Poi finalmente arrivano notizie dal “mostro”, Oscar Cervantes, che ha catturato 2 cernie brune e altre 5 cernie delle altre specia, oltre a vari altri pesci. Ma la consegna del pesce al porto è ancora tutta da vedere.

L’eccitazione al porto per la consegna del pesce è incredibile e le catture sono fantastiche, con grandi cernie come protagoniste.

Alla fine della giornata è il sempre straordinario Oscar Cervantes (Omer ) a ottenere un risultato sorprendente con 13 pesci validi e 4 specie diverse. Qualche dubbio con l’organizzazione durante la pesatura, in quanto in Tunisia apparentemente le 5 cernie sono considerate la stessa specie, quindi i punti per le specie non sono stati inizialmente assegnati. Infine, con l’intervento del delegato tecnico della CMAS, Sergio Perez Hernandez, i punti sono stati approvati in quanto le cernie sono effettivamente specie scientificamente e senza dubbio diverse. Perez è stato, durante tutta la competizione, fondamentale per risolvere un gran numero di problemi.

Alle spalle di Cervates chi poteva esserci se non il campione del mondo Giacomo De Mola (Pathos)? Il campione italiano cattura alcuni pesci enormi e 5 specie, ma “solo” 8 catture (77,89%), non abbastanza per battere lo spagnolo. Terzo è un altro spagnolo, l’ottimo David Fernandez (Cressi), un po’ distante però dai primi due (56,27%), con 7 pesci validi e 4 specie. Il quarto è Luigi Puretti(Seawolf – Seagang.it) con 5 pesci validi e 4 specie (51,13%), quinto l’atleta di casa, il tunisino Ahmed Ben Salah(C4 Carbon), con 3 pesci validi e 2 specie (46,04%). e il sesto è lo Spagnolo Xavi Blanco(Mares), che raggiunge il 45,94% con 3 pesci validi e 2 specie.

Con questo risultato la squadra spagnola conclude la prima giornata tutta nelle prime 6 posizioni, mettendo una mano sulla vittoria finale nella classifica a squadre. Settimo è il turco Turan Melih Aydiner (Imrozsub – 36,50%), con 4 pesci e 4 specie. Ottavo è l’algerino Abdennour Cherdoud XT Diving Pro – 35,85%), che cattura 5 pesci validi di 4 specie diverse. Il primo greco è il forte ed esperto Gerasimos Kavvadias (XT Diving Pro – Furuno– 33,08%), non al suo livello normale a causa di molti problemi, con 4 pesci e 3 specie(nono – 33,08%), e che stupirà assolutamente nella seconda giornata. A chiudere i primi dieci classificati è un altro atleta turco , Huseyin Tasbidi (2 pesci e 2 specie – 27,54%).

I pesci catturati sono principalmente, come previsto, cernie, con incredibili esemplari di bruna, il più grande dei quali supera i 15 kg. Anche i dotti e le cernie dorate sono ben presenti nelle catture del giorno. Le catture riguarderanno anche le corvine e si saraghi. Anche alcuni pesci balestra faranno la giornata di alcuni atleti. Uno di loro è l’unico atleta della Gran Bretagna, George Hoolhouse, 23° nel primo giorno, grazie a 3 pesci balestra.

Qualche difficoltà per Valerio Losito, infine 11°, “penalizzato” dalla prima cerniasparata in giornata a circa 40 metri e incastrata nelle rocce. L’atleta italiano tenterà più volte di estrarre il pesce, ma alla fine non avrà fortuna, perdendo solo tempo ed energie. La corrente renderà il suo lavoro estremamente difficile, con immersioni che dovranno essere effettuate a quasi 100 metri di distanza dalla posizione della cernia. Le stesse difficoltà hanno comunque colpito quasi tutti gli atleti, poiché le immersioni profonde con forte corrente diventano davvero difficili da eseguire correttamente. Anche i due giovani atleti greci , Apostolos Tzoumakas e Stelios Christakis, hanno sofferto molto per queste condizioni. Secondo il loro capitano, il forte ed esperto atleta Nikolaus Kambanis, erano davvero ben allenati per le condizioni senza corrente, ma non sono riusciti ad adattarsi alla situazione più difficile… una questione di esperienza.

A causa delle non buone condizioni di salute al termine del giorno 1, l’atleta tunisino Samir Yahiaoui sarà sostituito nel giorno 2 da Sami Belhaj Saad (Acque profonde mute).

Tra le squadre la Spagna è prima con il 202,21%, l’Italia seconda con il 156,03%, la Turchia terza con il 79,06% e la Tunisia quarta con il 68,17%.

Tra le donne si svolge una dura competizione a causa dell’assenza di pesce. La spagnola Magdalena Sart (Spetton), campionessa del mondo individuale e a squadre, è molto sicura già prima dell’inizio della competizione. “L’organizzatore deve considerare le esigenze anche delle donne. Noi peschiamo in apnea intorno ai 15-20 metri, forse Tiziana Martinelli può andare più in profondità. In questo periodo, settembre, con l’acqua in superficie a 27°C non c’è pesce alla nostra batimetrica. Se c’è un pesce, è estremamente nervoso e quasi impossibile da catturare. Avremmo potuto gareggiare a ottobre e la situazione sarebbe stata molto migliore!”.

Alla fine del giorno 1 Tiziana Martinelli (Sigalsub ) ha un commento aggiuntivo. “Dal mio punto di vista è giusto gareggiare in queste condizioni, anche se non è facile, ma non possiamo stare insieme agli uomini. Sono scesa a – 28 metri dove avrei potuto catturare una bella cernia, ma con me c’era un atleta algerino che è stato più veloce a raggiungere lo spot. Ho dovuto pescare tutto il giorno con atleti algerini, turchi e tunisini, ed è stata molto dura. Alla fine, ho comunque preso due bei pesci il primo giorno, apparentemente entrambi validi. Purtroppo, con il caldo hanno perso peso e alla fine erano entrambi appena sotto il peso minimo. In questo senso, anche il peso minimo di 500 grammi per i pesci del gruppo 1 è sicuramente piuttosto elevato e potrebbe essere ridotto per noi“.

Quindi c’è ancora molto lavoro da fare da parte degli organizzatori e CMASper dare alle donne le giuste possibilità di esprimersi. Alla fine della prima giornata, è prima l’italiana Alessandra Totaro con un pesce valido, un mugginedi 735 grammi. Dietro di lei, la compagna di squadra Alice Ferrari, con un saragodi 564 grammi (90,14%). Tutte le altre donne in gara non sono riuscite a catturare pesci validi. Questo sottolinea le difficoltà del campo di gara per le donne e l’inopportunità di farle sfidare con gli uomini negli stessi posti. Grazie alle due italiane a punti, l ‘Italia è nettamente prima dopo la prima giornata. Nessun punto per le altre squadre.

Giorno 2

Il secondo giorno inizia meglio, con la macchina organizzativa che funziona bene dopo il rodaggio del primo giorno. Al molo tutto sembra essere pronto abbastanza presto.

Un’altra giornata di sole, ma più vento e onde, e il campo di gara più lontano che ha reso il viaggio con la nostra piccola barca stampa del giorno 2 un po’ un’avventura. Tuttavia, con un nuovo barcaiolo più disponibile, siamo riusciti a fare delle belle dirette.

Una grande corrente anche nel giorno 2, forse ancora più forte del giorno 1, come confermato da Oliver Siefert della squadra danese. Oliver aveva conquistato un ottimo 12° posto nella prima giornata (3 pesci, 2 catture valide – 23,87%), considerando l’enorme differenza di condizioni del mare a cui è abituato.

Nulla può però fermare il “mostro” Oscar Cervantes, che continua a catturare un pesce dopo l’altro anche nel secondo giorno. Lo incontriamo in mare e lui cattura un bel dotto in diretta davanti a noi.

Un’enorme cattura che abbiamo avuto la fortuna di vedere in mare è stata fatta da Valerio Losito, con una fantastica ombrina boccadoro di quasi 30 kg!

La consegna del pesce al porto è piena di suspence con le cernie catturate che saranno ancora più grandi del primo giorno. Ma quando tutti i pesci vengono mostrati, è quasi chiaro chi sarà il campione euro-africano 2022 tra gli uomini. Un’altra giornata difficile per le donne, dove un pesce giusto farà la differenza!

Ma è il greco Gerasimos Kavvadias il vero conquistatore del secondo giorno, con una straordinaria quantità di prede catturate, 10 pesci e 6 specie diverse. Sarà il primo della seconda giornata di gara.

Secondo nel secondo giorno è un altro grande campione, Ahmed Ben Salah, che conferma e migliora la sua grande prestazione del primo giorno(4 pesci, 3 specie e 87,14%). L’atleta tunisino, in particolare, porterà a casa due enormi cernie brune. Terzo Giacomo De Mola, con 7 pesci e 6 specie (77,89%), e quarto Oscar Cervantes (75,74%), anche lui con 7 pesci ma solo 4 specie. Anche Xavier Blanco ha avuto una grande giornata con 9 pesci e 4 specie, ed è quinto (73,99%).

Dietro di lui c’è il fantastico algerino Omar Ben Bouaziz(Sigalsub)con 6 pesci validi e 3 specie (67,11%). Infine, la Croazia risale un po’ la classifica, con Antonio Buratovic (Dive In ) settimo (4 pesci, 3 specie e 58,60%). L’ottavo posto spetta all’altro tunisino Sami Belahj Saad, con 2 pesci e una specie (52,27%). Alle sue spalle l’algerino Abdennour Cherdous, che cattura 3 pesci di 3 specie diverse (49,81), mentre Stjepko Kesic (Cressi) è decimo, con 3 pesci e 2 specie (44,78%). L’atleta croato è stato purtroppo al di sotto dei suoi standard in questa competizione.

Tra le donne è un’altra giornata difficile, con ancora una volta solo due atlete che catturano pesci validi. La campionessa del mondo, la spagnola Magdalena Sart, cattura un valido tordo di 563 grammi. Ma la vincitrice della giornata è Tiziana Martinelli, con un pesce balestra di 1391 grammi, con il quale si aggiudica anche il Titolo!

La più grande cattura di Valerio Losito

Una cattura straordinaria, la più grande della competizione, è quella effettuata da Valerio Losito (Omer), con una sorprendente ombrina boccadoro. Valerio riesce a portare alla pesatura un pesce di quasi 30 kg… meraviglioso!“Nico (Strambelli) ha visto durante la preparazione questa piccola zona di sabbia e ha avvistato delle ombrine boccadoro di 10-15 kg e anche una cernia. C’erano alcune rocce e una piccola macchia di sabbia di circa 4 o 5 metri quadrati. Le abbiamo poi riviste un’altra volta durante la preparazione e ne ho vista una molto grande. Così ho deciso di andare li durante la gare. Eravamo nello stesso punto con Kavvadias, ma lui non ha visto l’ombrina, solo la cernia. Sono riuscito a fare il primo tuffo e ho preso questo pesce fantastico!”.

Risultati finali

Infine, con un primo e quinto posto Oscar Cervantes, il sorprendente atleta spagnolo, secondo al Campionato del Mondo di pesca sportiva CMAS 2021 in Italia, proprio dietroa De Mola, vince il titolo Euro-Africano. E l’Euro-Africano vede le posizioni invertite, con Giacomo De Mola secondo dietro lo spagnolo. Terzo è uno straordinario Ahmed Ben Salah, il campione tunisino che con un quinto e un secondo posto è estremamente efficace in entrambe le giornate.

Dietro il podio ci sono altri grandi campioni, come Gerasimos Kavvadias, imbattibile nella seconda giornata. Xavier Blanco, campione del mondo 2014 in Perù, è quinto, con un risultato fantastico che aiuterà la Spagna a conquistare il titolo delle Nazioni. Sesto un ottimo Luigi Puretti, che però avrebbe voluto ottenere di più, visto che alcuni problemi lo hanno colpito soprattutto nella prima giornata. Può comunque essere orgoglioso della sua prestazione.

Settimo è il primo degli algerini, uno straordinario Abdennour Cherdoud, che con una prestazione sempre buona, 8° e 9° nei due giorni, è oggi il 7° atleta più forte d’Europa e d’Africa! Ottavo è David Fernandez, il terzo degli spagnoli, tutti nella top ten, e che evidentemente meritano il titolo finale! 9° è Valerio Losito, l’atleta che ha catturato il pesce più grande di tutta la competizione, una stratosferica ombrina boccadoro di quasi 30 Kg. Una cattura che lui e tutti gli spettatori non dimenticheranno. Chiude la classifica dei 10 più forti pescatori in apnea euro-africani il turco Turan Melih Aydiner, comunque a meno di 3% punti da Losito.

Interviste

Oscar Cervantes

“Sono davvero felice. Sinceramente, non so cosa mi abbia permesso di battere il mio eterno avversario e amico Giacomo. Durante gli ultimi due giorni di preparazione abbiamo trovato uno spot fantastico per il primo giorno, Così ho capito che potevo davvero vincere. Alla fine questo si è trasformato in un grande risultato.

L’anno prossimo abbiamo il Campionato del Mondo in Spagna, ma non sono affatto preoccupato o sotto pressione. Sono sempre rilassato e voglio godermi questo sport ogni volta!”.

Giacomo De Mola

“La verità è che ultimamente voglio sempre vincere. Questa volta non ci sono riuscito, ma allo stesso tempo sono felice per Oscar e se deve vincere qualcun altro preferisco che sia lui! Credo che con questa rivalità vera e sportiva abbiamo risvegliato l’interesse di molti per il nostro sport. In qualche modo è come ai tempi d’oro di Mazzarri, Amengual e Salvatori o di Bellani, Carbonell e March.

Per quanto riguarda la mia gara, ho perso il campionato alla prima giornata. Dopo un inizio di fuoco, in 2 immersioni avevo già 2 cernie brune e poi 2 dotti. Poi nel punto buono ne ho strappata una dorata. Poi altri atleti sono venuti a pescare sopra di me. Sembra che ormai, se non si preparano bene, seguano per forza solo me….

Questo mi ha sicuramente penalizzato un po’. Ho dovuto cambiare posto e un po’ nervoso ho incastrato un dotto a 46 metri con una forte corrente. Così ho perso molto tempo prezioso per poter fare altre catture. Infine, all’ultima immersione sono andato a fondo con un arbalete corto su una cernia dorata. Mi aspettavo di trovarla nella tana, ma invece era fuori. L’asta non ha passato il pesce e si è strappata, e non ho potuto fare un’altra immersione. Quindi ho commesso degli errori che mi sono costati il campionato.

Il secondo giorno non ho commesso errori e anzi sono stato in vantaggio su Oscar, anche se di poco. Le catture di Kavvadias nel secondo giorno sono state grandiose e quelle di Ahmed notevoli. Parlando con Oscar credo che abbia fatto la differenza nella preparazione. Quindi capisco anche il mio errore. Cercavo pesci grossi in posti profondi credendo di trovare il jolly. Ho anche perso molto tempo sui relitti. Ho trovato dei pesci, ma i posti erano dispersivi e i pesci difficili da catturare(mi riferisco ai dotti).
Così ognuna delle mie immersioni è stata tra i 43 e i 47 metri, con immersioni all’agguato a caccia di cernie con apnee molto lunghe che mi hanno portato al limite e quindi anche all’errore.

Diversamente, Oscar ha creduto nella zona dei 28/35 metri. Probabilmente anche un altro tipo di rocce, dove i pesci potevano essere catturati più facilmente e solo in alcune zone oltre i 40. Quindi era molto più operativo e veloce di me a quelle profondità. Credo che questo insieme di cose sia stato fondamentale. Onore a chi ha fatto le scelte giuste!”.

Ahmed Ben Salah

“È stato un onore per me salire sul terzo gradino del podio. Essere a fianco delle leggende della pesca in apneaOscar Cervantes Riera e Giacomo De Mola è stato incredibile. Sono un grande fan di questi ragazzi. Li seguo sui social media e sognavo di incontrarli un giorno. Ed eccomi qui, il mio sogno si è avverato e meglio di quanto desiderassi. Naturalmente senza dimenticare tutte le altre leggende della pesca in apnea. Xavier Blanco, David Fernandez e Gerasimos Kavvadias, tutti loro mi hanno dato un motivo per andare avanti, spingendomi a migliorare.

È stata la mia prima esperienza in una competizione internazionale ed è un buon inizio per la mia carriera. Mi vedo già nuovo in tutto questo, dato che ho iniziato la pesca in apnea solo 5 anni fa. Quindi, per me è straordinario.

Ora mi sento motivato perché questa volta ho imparato molto. Ora so come si svolge una gara internazionale. Un giorno voglio diventare campione del mondo, ma ho ancora molte cose da imparare”.

Due catture sono state speciali per me. Il primo e il migliore è il Dentex Gibbosus. È il mio pesce preferito perché era così profondo per me e così impegnativo. La seconda è la mia ultima cernia di 15 kg. Ho sparato a questo pesce ed era bloccato in una tana e mancavano solo 30 minuti alla fine della gara. È stato davvero difficile e stressante per me, ma alla fine ci sono riuscito.

Questo risultato significa molto per il mio Paese. Ora siamo più sicuri. Ci sentiamo motivati e crediamo di poter essere un giorno protagonisti in questo sport. Non voglio dimenticare tutte le persone che credono in me. Tra questi, Hamza Khadraoui e Hatem Abdallah, della grande Nazionale tunisina, il mio amico Ahmed Maneni e il mio compagno di barca Ala Mechergui. Tutti loro hanno sacrificato il loro tempo e le loro energie per raggiungere questo risultato!”.

Tiziana Martinelli

“C’era una volta una ragazza con la testa piena di tutte le meraviglie del mondo. Con questo stato d’animo è iniziato il mio viaggio a Bizerte. Alla fine del Campionato italiano, dopo la convocazione, ho detto alle ragazze “andiamo in Tunisia e spacchiamo tutto. Dobbiamo fare primo, secondo e terzo posto!”. Ed è andata proprio così! È una vittoria personale, ma soprattutto di squadra. Ognuno di noi ha dato il massimo. Unione, condivisione e sostegno reciproco erano i nostri punti di forza.
La preparazione è stata meticolosa e studiata. La gara si è svolta in condizioni difficili, anche a causa della forte corrente, soprattutto il secondo giorno. Per questo motivo ho dovuto attuare il “piano B”, ovvero pescare in acque più basse, intorno ai 10-15 metri. Ho pescato in apnea muovendomi con la corrente, utilizzando l’aspetto e l’agguato.
Competere con uomini e donne insieme non è certo facile. Soprattutto se si inizia la gara nello stesso punto, come è successo a me e all’atleta algerino Medjadji Mohamed Aniss. Abbiamo fatto l’immersione contemporaneamente a una bellissima cernia bruna a 27 metri di profondità. Ma è stato più bravo e più veloce ad arrivare in fondo e l’ha presa proprio sotto il mio naso. Non per questo mi sono perso d’animo, anzi, alla seconda mossa ho catturato una cernia a 28 metri.
Conquistare la prima posizione al Campionato Euro-Africano 2022 di Bizerte, in Tunisia, è stato difficile. Citando il pensiero del nostro TD Marco Bardi, credo che racchiuda l’essenza delle competizioni. “Quando si ha la forza di superare ogni ostacolo, quando si ha la volontà giusta per raggiungere un risultato, quando si ha la capacità di lasciare fuori i problemi e di concentrarsi sull’obiettivo, è il momento di diventare un campione”.
Far parte della Nazionale italiana è un privilegio oltre che un motivo di orgoglio, perché siamo un gruppo di atleti validi e preparati. Ma soprattutto siamo amici veri, sinceri, che si mettono a disposizione per il bene di tutti. Lottiamo senza riserve per raggiungere l’obiettivo comune che è quello di portare in alto la nostra bandiera. Grazie al nostro DT Marco Bardi, perché ha saputo selezionare e mettere insieme le persone giuste. Grazie al Capo Delegazione Sandro Congedo, che con semplicità e umiltà si è messo a disposizione di ognuno di noi; grazie alla nostra FIPSAS Federazione che non ci lascia mai soli.
Un enorme ringraziamento a Diego Mazzocchi, mio assistente/barcaiolo e compagno di avventure e disavventure, al mio sponsor Sigal Sub, la mia azienda Spearfishing Team di Santa Marinella e naturalmente al mio famiglia, i miei figli Giulia e Dante, mio marito Jacopo Giandominici, senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile”.

Alessandra Totaro

Prima dell’inizio avrei firmato per questo risultato. Non posso però fare a meno di fare i conti con i miei errori. Il valore umano della Nazionale italiana, devo sottolinearlo, è ciò che più mi motiva a dare il massimo. Questo soprattutto nella competizione. Sono una di quelle persone che sotto pressione danno il meglio di sé. A volte anche se non ci credo nemmeno. Purtroppo ho commesso degli errori tecnici, sono stata superficiale nella preparazione dell’attrezzatura e la ho pagata il secondo giorno di gara, quando, rompendo un elastico, sono rimasta senza il 60 cm, l’ arbalete di mia scelta durante le competizioni.
Mi è piaciuto tutto della Tunisia. Per me è stato tutto fantastico, ovviamente considerando le difficoltà che si incontrano in queste aree. Ma qualcosa potrebbe essere migliorato, la gestione del tempo e poi avrebbero potuto mettere qualche pesce in più nel mare (ride). Di solito non mi lusingo dei risultati, cerco sempre un modo per dare e fare di più. Mi basta sapere che ho ottenuto, il giorno 1, il 100%, come la grande Tiziana nel giorno 2, per me un grande risultato. Poi, l’affetto che mi lega ai miei compagni di squadra supera ogni ostacolo e tristezza e questo è oro!

Alice Ferrari

“Mi sento molto bene dopo la gara, molto meglio che dopo Arbatax, perché sono arrivato in Tunisia in perfette condizioni fisiche. Per quanto riguarda la competizione, sapevamo che si trattava di un’area di gara molto dura. Il primo giorno ho preso il pesce. Il punto in cui ho pescato il sarago bianco era una tana principale che ho trovato il primo giorno di preparazione. Quindi abbiamo lavorato molto bene nei giorni precedenti la gara. Poi i venti, le condizioni del mare e le correnti hanno reso tutto più complicato. Tuttavia, questo accade normalmente, quindi… Comunque il pesce che ho pescato è stato trovato durante la preparazione, in una tana complicata. In effetti ho avuto bisogno di quasi un’ora per catturare questo pesce.

Quindi, finalmente, devo dire che sono davvero contenta, anche perché gli altri pesci erano un cefalo e un pesce balestra, non catturati in tana. Ho quasi preso un secondo sarago, ma la tana era molto difficile e con una forma profonda. Il secondo giorno il campo di gara era più duro. Ho cercato in tutti i modi di catturare altri pesci, pescando in acque più profonde e meno profonde. Sinceramente 500 grammi per il pescato erano un po’ troppi. Ho visto alcuni cefali, ma erano tutti al massimo di 400 grammi, quindi niente da fare. Sono comunque molto soddisfatta della mia prestazione. Inoltre, è molto positivo che tutta la squadra italiana abbia contribuito al risultato finale con alcuni punti. Quindi per me non è importante la posizione finale sul podio, ma il risultato della squadra e il modo in cui ho gareggiato. Sono davvero felice, come se avessi vinto due medaglie d’oro!”.

Gerasimos Kavvadias

“Nel primo giorno, purtroppo, tutto è andato storto fin dall’inizio! Sono arrivato secondo in uno spot con molte corvinee ho cercato di sparare a una o due. La prima a cui ho sparato si è allontanata e ha spaventato le altre. Dopo aver lasciato lo spot avevo catturato una cernia e solo una corvina. Poi mi sono spostato in un altro punto per pescare una corvina, che ho catturato, ma mentre recuperavo il pesce dal fondo la boa che galleggiava con la zavorra vicino a noi è improvvisamente scomparsa. La forte corrente l’ha spostata in un punto più basso e la zavorra ha funzionato da ancora.

Ho perso 15-20 minuti a cercare la boa prima di chiedere a una barca dell’organizzazione se potevo continuare con un’altra boa. A questo punto la mia mente era persa. Il disastro si è completato nello spot successivo, dove ho catturato la mia grossa cernia. Cercando di tirare fuori il grosso pesce dalla sua tana in 43 metri una sagola si è attorcigliata intorno al mio polso e ha ritardato la mia emersione. A questo punto il mio giorno 1 era finito. Ero spaventato, infastidito e pieno di dubbi su quello che stavo facendo lì! Questi pensieri non dovrebbero mai esistere nella mente di un atleta durante una giornata di gara. Ho fatto altre 4 immersioni per portare i pesci fuori dalla tana e ho continuato senza alcuna voglia di competere. Volevo solo che l’incubo del primo giorno finisse.

Dopo la pesatura ho avuto una profonda conversazione con me stessa e hoi deciso di cancellare il giorno 1 dalla mia mente e di passare al giorno 2. La sensazione di“non arrendersi mai” si era fatta forte in me. Nel secondo giorno tutto è andato secondo i piani e la mia strategia è stata completamente soddisfatta. Cinque cernie più due cernie brune e qualche pesce più piccolo era il piano iniziale per arrivare per primo in questa zona e così ho fatto.

Voglio ricordare un momento del secondo giorno che credo rimarrà per sempre impresso nella mia mente. Mentre mi tuffavo al secondo posto Valerio Losito è riuscito a tuffarsi per primo, mentre io lo seguivo con un ritardo di 10 secondi. Ho sentito il suono vuoto dello sparo e un grosso pesce bianco ha iniziato ad apparire nell’acqua nebulosa. Il mio primo pensiero è stato che avesse colpito una grossa ricciola, ma mentre mi avvicinavo qualcosa non quadrava! Non potevo credere a ciò che stavo vedendo! Una gigantesca ombrina boccadoro si materializzata davanti ai miei occhi stupiti.

Mentre riemergevo Valerio festeggiava la sua cattura e io non potevo fare altro che essere una piccola parte dei suoi festeggiamenti. Mi sono congratulato con lui e sono andato avanti senza potermi rendere conto del momento che abbiamo condiviso con uno dei miei cari “avversari”! È una delle esperienze che ricorderò sempre delle gare…”.

Advertisement