Advertisement

Introduzione

L’idea di progettare i nuovi plantari C4 , parte della linea MB (Marco Bardi) Concept&Design, si adatta perfettamente al design molto compatto ed estremamente avanzato delle rivoluzionarie scarpette C4 200 ( vedi il nostro raggi x sulle pinne C4 S -990). In particolare, l’aggancio sotto il piede della scarpetta alla pala riduce notevolmente le turbolenze aumentando così l’efficienza del flusso d’acqua. In questo modo le pinne della linea C4 200 sono in grado di sfruttare appieno la fluidodinamica . La forma della scarpetta è liscia e compatta per ottenere un’altissima penetrazione dell’acqua . Un’altra caratteristica da non sottovalutare, oltre ai materiali innovativi con cui è realizzata la scarpetta, è il suo peso . La scarpetta C4 200 è infatti la più leggera sul mercato! La efficienza della pinneggiata e il comfort del piede sono incredibilmente aumentati grazie ai nuovi plantari C4. Questo “accessorio” è l’elemento chiave per far funzionare al meglio tutte le straordinarie caratteristiche della linea di pinne 200. Diamo uno sguardo approfondito ai nuovi plantari C4.

La pinneggiata

Per quanto riguarda la trasmissione della forza dal piede alla pala, un ulteriore passo avanti è stato compiuto grazie ai nuovi plantari C4 . Con il loro design anatomico, ottimizzano la forma planare delle scarpette sotto l’arco plantare , migliorano il controllo della pinneggiata e aumentano la forza propulsiva .

Ergonomia

L’ ergonomia del plantare C4, che riproduce con precisione la forma del piede sinistro e destro, aumenta notevolmente il comfort . La scarpetta, infatti, non avendo un’anatomia destra e sinistra, presenta degli spazi vuoti tra sé e il piede. Con il nuovo rivoluzionario plantare C4 , tali sacche d’acqua sono ridotte al minimo . Di conseguenza, l’aderenza tra il piede e la scarpetta è notevolmente aumentata. Questo aspetto è fondamentale per l’ efficienza della pinneggiata ed è spesso sottovalutato dai subacquei. Si può infatti avere la pala migliore sul mercato, ma se la trasmissione della forza tra piede e pala non è corretta, il risultato finale e la spinta generata dalla pinneggiata sono scarsi.

Il grande miglioramento della calzata del piede nella scarpetta si traduce evidentemente anche in un netto aumento del comfort . Questo grazie alla riduzione delle sacche d’acqua. Il flusso di acqua fredda all’interno della scarpetta è ridotto . Di conseguenza il piede si mantiene più caldo, soprattutto in inverno, limitando così il rischio di crampi. Ciò è ulteriormente migliorato dal fatto che il plantare C4 ha anche un effetto isolante .

Materiali

Il plantare C4 è stata progettato specificamente per l’utilizzo in mare. Per tale motivo i materiali sono stati studiati a fondo. Resistono all’usura nel tempo anche se utilizzati nelle condizioni difficili dell’acqua di mare , dove il sale è particolarmente aggressivo sui materiali tradizionali . I diversi elementi nella parte inferiore del plantare C4 hanno colori diversi a seconda della durezza del materiale utilizzato. Il peso del plantare C4 è di soli 50 grammi.

Misure

I plantari C4 sono disponibili in tre misure , in modo da poter essere utilizzati con scarpette dalla taglia 38 alla taglia 45. Grazie alla possibilità di essere tagliati a misura su una linea di taglio preesistente , i plantari si adattano perfettamente a tutte le scarpette C4. Possono, tra l’altro, essere utilizzati anche con molti altri modelli di diverse marche presenti sul mercato . In generale, si può utilizzare il plantgare con scarpetta della stessa misura normalmente utilizzata. Il plantare C4 può però aiutare a perfezionare la calzata in scarpette leggermente grandi. La soluzione migliore può essere quella di utilizzare scarpette della stessa misura con un calzare leggermente più sottile.

(Testi di Gerardo Frustaci)

Advertisement