Advertisement

Gli arbalete in legno della MGM sub di Massimo De Pascalis meritano una presentazione dedicata per alcune soluzioni particolarmente interessanti; il tutto sempre con un occhio alla semplicità.

Gli arbalete della MGM sub si dividono nelle soluzioni a doppio elastico come il CL e CL Maori Spirit, con due versioni Honuwhenua e Skualo, nella soluzione CH, con elastici in linea e testata open, e nella versione Roller, denominata MR.Queenqueg.

Il legno

Anima degli arbalete MGM sub è evidentemente il legno, di cui è fatto il corpo del fucile, compresa l’impugnatura. La logica è quella di utilizzare il sassofrasso, di colore più chiaro e sufficientemente duro, ma anche leggero, per le bande laterali, in modo dare un buon bilanciamento all’arbalete. La banda centrale sarà invece realizzata in legno mogano Sapelli, particolarmente duro e resistente, tale da poter sopportare le sollecitazioni e resistere all’usura dovuta al passaggio dell’asta nel guida asta. Questa soluzione con doppio legno bicolore rappresenta anche una forte denotazione degli arbalete MGM Sub.

 

L’impugnatura su misura

Chiave nella personalizzazione degli arbalete MGM sub è, a richiesta, l’impugnatura su misura, non sempre presente sui fucili in legno artigianali. L’utente invia alla MGM sub le misure della mano (destra o sinistra seconda delle necessità) con misura della distanza fra la piega del polso e le dita, con specifica misura dell’indice della mano che andrà a premere sul grilletto. La misura giusta infatti, secondo MGM sub, è quella che posiziona il grilletto fra la prima e la seconda falange, tenendo anche conto dello spessore del guanto.

Il meccanismo di sgancio

Gli arbalete MGM sub utilizzano il meccanismo di sgancio completamente in acciaio della Sigalsub, nella soluzione Reverse, cioè con dente di sgancio invertito rispetto alla soluzione classica. I meccanismi usati sono il Sigalsub Reverse e il Sigalsub Jaco. Nel primo, molto leggero e tale da aiutare il bilanciamento perfetto dell’arbalete, viene però modificato lo sganciasagola, sostituendo il piccolo perno verticale con una rotellina laterale, denominata “Flash”, ritenuta più affidabile della classica levetta.

CL e CL Maori Spirit

Le due soluzioni CL e CL Maori Spirit Honuwhenua (testuggine in lingua Maori) si distinguono fra loro per la grafica Maori presente sulla versione Maori Spirit. I disegni, di tipo appunto Maori, realizzati con stencil e poi verniciati, oltre alla funzione estetica permettono un certo mimetismo basato sul concetto di scomposizione di immagine. Realizzati in due lunghezze 70 e 90 cm, in entrambe le versioni i CL offrono una testata classica con doppio elastico, rispettivamente da 14,5 e da 16 mm.

La testata è realizzata con profili che sollevano gli elastici posizionandoli in modo perfettamente parallelo all’asta per ottenere la massima efficienza di spinta.

Sempre della gamma CL Maori Spirit e lo Skualo, con disegno nella parte inferiore di uno squalo martello. Lo Skualo è realizzato nella lunghezza 105 cm, e per tale motivo rappresenta un arbalete adatto alla pesca all’aspetto nelle acque limpide. Per bilanciare al meglio l’arbalete più lungo della gamma CL, la struttura è maggiorata del 30%.

CH70, CH90 Muletto e CH100

Particolarità della gamma CH sono le testate Open, nella versione Ertalon e Iron. La prima, realizzata appunto nel materiale Ertalon, un particolare nylon dalle caratteristiche superiori di resistenza a rottura, presenta due “pirulini” in gomma che hanno la funzione di tenere ferma l’asta anche capovolgendo l’arbalete, ma allo stesso tempo al momento dello sparo questi si fletteranno in avanti senza opporre resistenza all’asta.

La testata Ertalon, come quella Iron, permette il caricamento molto rapido grazie alla possibilità di inserire l’asta dall’alto premendo e aprendo i pirulini in gomma (sulla Iron si apriranno le labbra in PVC). In più, entrambe le testate non richiedono necessariamente di posizionare la sagola per tenere l’asta ferma, un grosso vantaggio quando si vuole rapidamente ripetere il colpo.

La testata Iron offre una struttura di base in acciaio, con una piastra sagomata in PVC che evita che l’asta si sfili in caso di rivolti l’arbalete e, come per la Ertalon, evita anche fastidiosi rumori dell’asta stessa. Seppur il fissaggio dell’asta sia appena meno efficace della soluzione Ertalon, la testata risulta più compatta.

Tutti gli arbalete CL e CH hanno sede per il posizionamento di piombini di bilanciamento.

MR.Queenqueg

Il nome, MR.Queenqueg, è quello dell’arpioniere di Moby Dick, il capolavoro letterario dello scrittore americano Herman Merville. Due anni di sviluppo e prove sul campo hanno portato al prodotto finale e novità 2017, un Roller classico, senza particolari evoluzioni, sempre con l’obiettivo di puntare ad un arbalete semplice nell’utilizzo. MR.Queenqueg si distingue da altri Roller per un ponticello in metallo che, pur mantenendo l’asta in posizione, permette l’utilizzo di tutte le aste in commercio.

La combinazione intelligente dei due legni pregiati, il sassofrasso e il Sapelli, permettono un ottimo bilanciamento anche con testata Roller e con aste pesanti da 7,5 mm. La punta della testata con profilo a tricuspide facilita il posizionamento della sagola.

Se sugli arbalete MGM sub la sagola che parte dal mulinello va subito indietro verso l’impugnatura per aumentare la lunghezza libera, sul Roller tale soluzione aiuta anche a liberare dal problema dei fili che intralciano durante il caricamento.

Advertisement