Advertisement

La Nuova Cressi Scorfano colpisce per le tante idee, anche innovative, portate da Cressi sulla muta per la pesca in apnea.

Descrizione generale: fodera, neoprene e mimetismo

La nuova Cressi Scorfano colpisce subito per la sua colorazione sul verde scuro, con grafica ottenuta tramite stampaggio dell’immagine fotografata e ingrandita del fondale. La soluzione affianca le colorazioni mimetiche sulle diverse tonalità di marrone delle mute Cernia, Tracina e Tecnica. Rimane nero il contorno del viso, piuttosto che bianca la scritta bianca Cressi sul petto e soprattutto sulla fronte. Per i più estremi amanti della mimetica forse non è la soluzione ideale, ma certamente la scritta Cressi può essere scurita con un pennarello indelebile.

Il neoprene utilizzato è lo Sheico, selezionato, secondo quanto comunicato da Cressi, nella tipologia di prima qualità. Nella muta ricevuta in prova però i punti delle pieghe mostravano un neoprene piuttosto schiacciato. Cressi ha indicato che in rare occasioni c’è la possibilità che la muta sia fra quelle rimaste più a lungo sotto le pile di mute durante il trasporto, e consiglia di chiedere al negoziante un’altra muta in caso si trovassero eccessive pieghe (evidentemente alcune pieghe, come in tutte le mute, si troveranno sempre). La fodera è realizzato nel morbidissimo Ultraspan della Cressi, materiale specifico che possiede la grande elasticità della Lycra (materiale superiore al Nylon per elasticità, ma anche costi), con una resistenza all’abrasione e agli agenti atmosferici nettamente superiore. Un piccolo limite, presente anche con i capi in Lycra, è che quando la fodera viene allungata in direzione ortogonale alle fibre, la colorazione mimetica diventa leggermente bianca.

Dettagli costruttivi: Idee innovative e soluzioni intelligenti

La Scorfano è veramente curata, e ogni parte della muta mostra dei dettagli e delle soluzioni molto attente e potenzialmente utili. Anzitutto polsi, caviglie e contorno viso: questi sono realizzati, sulla muta da 5 mm, con un neoprene da 3,5 mm, liscio all’interno, anziché spaccato. Questa soluzione da un lato rende le zone indicate più morbide grazie allo spessore ridotto del neoprene, dall’altro le fa aderire meglio alla pelle, grazie alla superficie liscia, per una maggiore tenuta, migliorando la coibentazione della muta.

Lo stesso materiale viene utilizzato anche sulla fascia della vita dei pantaloni, fascia in neoprene liscio interno da 3,5 mm che comprende l’innovativo sistema Cressi Aquastop. Questo funziona semplicemente ripiegando su se stessa la fascia in modo che la parte liscia del neoprene vada a contatto con la superficie interna spaccata della giacca, creando una parziale sigillatura. Questa ha l’obiettivo di evitare i fastidiosi rigoli d’acqua che si creano sulla schiena per via dell’acqua che si infiltra sotto la giacca passando dal bordo sopra il sedere, nel punto di chiusura con il pantalone, soprattutto quando si effettua la capriola.

Ginocchia e gomiti sono ricoperti e rinforzati con Supratex, un materiale molto resistente alle abrasioni e anche spesso, quindi confortevole in caso di urti sugli scogli, e contemporaneamente estremamente elastico, al punto che tirandolo appare ancora più elastico della morbida soluzione Ultraspan di tutta la muta. Cressi comunica che tali protezioni sono realizzate proprio per permettere una durata nettamente superiore rispetto alle classiche coperture in materiale gommoso stampato.

Sempre nell’ottica di offrire un prodotto con grande durata nel tempo, Cressi ha realizzato una soluzione molto interessante, ripresa dalle mute stagne dei sommozzatori professionisti. Il sistema si chiama Liquid Seal, una gommatura a mano che ricopre completamente tutte le linee di cucitura della muta. Più che un aumento della coibentazione, che comunque può esserci in minima parte, la copertura permette una forte protezione delle cucitura dall’acqua salata e dal sole, prolungandone quindi la durata nel tempo, soprattutto nelle zone di maggiore trazione ed esposizione ai raggi solari , come spalle, schiena e collo.

Il rinforzo sternale è realizzato con delle forme a semiarco ricoperte di materiale ruvido e resistente per durare nonostante le ripetute sollecitazioni durante la ricarica del fucile per via della pressione del fucile sullo sterno. Fra il neoprene della muta e queste coperture Cressi ha interposto del neoprene da 2,5 mm. La soluzione esteticamente bella non ci convince troppo per via del fatto che la copertura non è un unico spessore, ma diversi pezzi discontinui. Inoltre, la protezione scende fino ad un certo punto sul petto, mentre sarebbe comodo, soprattutto per i fucili più lunghi, una protezione continua che arrivi quasi alla parte bassa della giacca, in modo da avere una ampia zona per appoggiare il fucile a seconda delle tecniche di ricarica e del fucile utilizzato.

Fondamentale e particolarmente curata da Cressi è la preformatura della muta, in particolare sulla schiena, dove il taglio crea una leggera V che riprende la forma rientrante della spina dorsale, generando maggiore aderenza al corpo. Stessa preformatura avviene sulla vita, dove la forma è più scavata, e sulle natiche, dove si riprendono i profili sporgenti dei glutei.

Evidentemente anche le classiche preformature delle gambe e delle braccia sono state realizzate. Le spalle sono tagliate senza giromanica, in modo da adattarsi a diverse misure di spalle.

Prime impressioni visive

Gli incollaggi della muta risultano ben fatti, così come la spalmatura Liquid Seal, che sembra offrire una resistenza ineguagliabile alle cuciture, sempre ben coperte dalla gomma. Le linee di gomma del Liquid Seal risultano però più dure del neoprene della muta, e andranno quindi testati nella prova in mare per verificare se generano un effetto poco confortevole, oppure si adattano bene al corpo. In generale la Scorfano mostra cura per ogni dettagli e qualità nella realizzazione. Unico punto debole a livello di analisi visiva è la copertura sternale un poco limitata.

Prezzi di listino e online

La Cressi Scorfano è disponibile negli spessori da 5 e 7 mm, acquistabili separatamente, una ottima soluzione per il cliente, che può scegliere di comprare un solo pezzo, oppure sia giacca che pantalone, ma con spessori diversi. I prezzi di listino e online (fra parentesi i prezzi presi da uno dei siti di vendita più competitivi) sono:

  • Giacca 5 mm: 184,50 € (138,40 €)
  • Pantalone 5 mm: 134,50 € (107,60 €)
  • Giacca: 7 mm: 204,50 € (149 €)
  • Pantalone 7 mm: 149 € (119,20 €)
Advertisement